Tè, sigarette e kalashnikov: benvenuti in Siria

Tè, sigarette e kalashnikov: benvenuti in Siria

La tecnologia della fotocamera sta avanzando a un ritmo così accelerato di recente che sono continuamente stupito dalle dimensioni e dalla qualità dei dispositivi disponibili, attualmente e in particolare, il mio iPhone 5. La capacità di produrre foto e video di alta qualità in un attimo , quindi riporlo tutto comodamente in tasca, è fantastico, senza nemmeno menzionare il fatto che posso caricare le suddette foto sui miei account di social media all'istante. Anche viaggiando fuori dal paese, la maggior parte degli hotel e degli ostelli (anche alcune case sicure) ora dispone di Wi-Fi. Posso uscire, scattare durante il giorno e caricare nella mia stanza o in pausa in un caffè.

Non mi affido al mio iPhone per catturare tutto, ma lo adoro per quello che fa. Uso le reflex digitali come i miei fotografi principali e l'iPhone come backup. Durante il mio viaggio ad Aleppo lo scorso mese, sono stato in grado di scattare facilmente e velocemente sul mio telefono senza attirare molte attenzioni indesiderate. Questa è una necessità assoluta quando voglio qualcosa di sincero o qualcosa di nascosto. Nascondo facilmente il mio cellulare ai posti di blocco e vi accedo rapidamente per istantanee discrete durante i momenti sociali. Come ho detto prima, forse l'aspetto più utile della fotografia da smartphone è il pronto accesso ai siti di social networking, un mezzo con cui gran parte del mondo è già familiare.

Mi chiedo se la gravità della situazione in Siria e la straziante umanità delle persone coinvolte potrebbero essere più prontamente trasmesse al mondo esterno in modo veramente efficace attraverso un maggiore uso di questo mezzo.

Le foto sottostanti sono state tutte scattate e modificate sul mio iPhone 5 durante una settimana incorporata con una milizia dell'esercito siriano libero ad Aleppo, in Siria. Principali programmi utilizzati: Hipstamatic, Instagram e Snapseed.

1

Kilis

La città di confine turca di Kilis. Situato appena oltre il confine settentrionale della Siria, è diventato una via di fuga per i siriani in cerca di rifugio dalla guerra.

2

3K

L'inizio del tratto di strada di 3 km che compone il valico di frontiera turco-siriano. Il governo turco ha tre punti di controllo e l'Esercito siriano libero ne ha uno. Recinzioni, filo spinato e campi minati costeggiano la strada. Le ambulanze attraversano questo punto ogni 15 minuti circa, trasportando i feriti verso gli ospedali in Turchia.

3

Risorse

Sacchetti di pollo che attraversano il confine turco con la Siria. Il popolo della Siria settentrionale sta affrontando la scarsità di risorse mentre la guerra continua. Le merci vengono trasportate quotidianamente, sia legalmente che illegalmente, in Siria attraverso la Turchia.

4

Guidando dentro

Dottore, 19 anni, in viaggio per Aleppo. Le strade della Siria settentrionale sono costellate di piccoli villaggi, case di fango, linee di pane, venditori di carburante e occasionali colonne di fumo eruttate da un recente bombardamento.

5

Munizioni

Le munizioni AK-47 giacciono sul tappeto per il conteggio. Senza il supporto militare della comunità internazionale, la fornitura di munizioni dell'Esercito Siriano Libero è estremamente limitata. Gli avanzamenti riusciti sono spesso ostacolati e trasformati in ritiri a causa della scarsa munizione.

6

Kalashnikov

Un Kalashnikov modello AK-47 giace su un tappeto in una stanza della FSA. Una delle armi più utilizzate al mondo, questo design sovietico è stato ampiamente utilizzato dall'FSA nella sua lotta contro il regime di Bashar al-Assad.

7

Aleppo

Il relitto di un edificio vicino a una strada rialzata principale attraverso la Città Vecchia di Aleppo. Gli edifici distrutti punteggiano il paesaggio della Siria settentrionale e sono all'ordine del giorno ad Aleppo, che è stata il centro di intensi combattimenti per mesi.

8

Vittime

Ali, 18 anni, un giovane combattente dell'FSA, mostra una foto del fratello morto. Gran parte della guerra viene condotta tramite i social media sotto forma di video e foto, prontamente pubblicati su YouTube e Facebook. Le persone ovunque hanno immagini come questa sui loro telefoni pronte per essere condivise.

9

Pronto

Combattenti dell'FSA che sparano con le armi nel cortile della loro casa. Dormendo a meno di 100 metri da due linee del fronte, era importante che la milizia rimanesse pronta a combattere in un attimo. Le armi venivano pulite in modo ossessivo e tenute sempre vicine.

10

Schernire Assad

Un combattente dell'FSA si sporge dal suo nascondiglio per schernire le forze del regime di Assad. L'ambiente di combattimento urbano di Aleppo pone i combattenti nemici così vicini che spesso non sono altro che un muro o una strada vuota l'uno dall'altro. Questa vicinanza offre loro l'opportunità di parlare, e spesso urlare, l'un l'altro.

11

Misto

Un mortaio giace tra bossoli di proiettili e altra spazzatura per le strade di Aleppo. La spazzatura è ovunque in città. Non ci sono servizi di smaltimento dei rifiuti operativi, quindi le persone gettano quello che hanno nelle strade.

12

Cecchini

Becker prende la mira in uno dei tanti vicoli dei cecchini ad Aleppo. I cecchini di entrambi i lati della guerra controllano vaste aree della città, dalle strade principali ai tetti.

13

Controller

I combattenti dell'FSA si fermano per una discussione durante una pattuglia del centro storico di Aleppo. Le milizie sono stazionate in tutte le sezioni della città controllate dall'FSA, ognuna delle quali conosce l'area assegnata. I gruppi che viaggiano in nuove aree controllano sempre con le forze locali i cecchini e le recenti battaglie prima di continuare.

14

Calmare i nervi

Ali, fumando una sigaretta, si trova sulla soglia di una casa dopo che una agrenade è esplosa di recente nel cortile. Il combattimento avviene in quartieri così ravvicinati che a volte granate e bombe sono semplicemente lanciate contro pareti, rendendo necessario trascorrere i tempi morti all'interno.

15

Cos'è rimasto

Due edifici pendono pericolosamente su una strada di Aleppo. Le battaglie hanno lasciato edifici parzialmente distrutti e prossimi al crollo. Con il tempo o le risorse per ripararli o demolirli, gli edifici sono lasciati a pericoli precari.

16

Bambole e roba

Una bambola fatta per assomigliare a Bashar Assad giace tra le macerie di un edificio bruciato. I combattenti ribelli usavano questo manichino e altri simili per attirare il fuoco dei cecchini e sollevare gli spiriti delle loro truppe.

17

Tensioni

Due combattenti più anziani dell'FSA (uno curdo, un altro sunnita) hanno litigato tra un gruppo di giovani combattenti. I combattimenti all'interno della FSA sono comuni e spiegabili alla luce delle condizioni in cui vivono e combattono.

18

Circondato dalla distruzione

Muhammed si trova tra i resti di un edificio distrutto ad Aleppo. Molti dei combattenti ribelli non sono nativi della città e sono arrivati ​​per trovare un luogo che a malapena sapevano devastato dalla guerra.

19

Hafez al-Assad

Il sandalo di un membro dell'FSA si trova in cima alla foto dell'ex leader siriano Hafez al-Assad. Posizionare scarpe o sandali vicino al viso è considerato un segno di grande mancanza di rispetto nelle culture mediorientali. Molti dei combattenti della FSA hanno affermato di considerare Hafez al-Assad cattivo quanto Hisson, l'attuale presidente della Siria, Bashar al-Assad.

20

Pasti

Un pasto tipico con la FSA. I pasti consumati dai combattenti ad Aleppo consistono spesso in cibi ricchi di amido come pane e patatine fritte. I pasti nella cultura siriana sono consumati in stile familiare e il cibo viene afferrato con un pezzo di pane o direttamente per mano.

21

Rituali

I combattenti dell'FSA si prendono una pausa dalla prima linea per pulire le loro armi.

22

Inverno

La faccia coperta di fuliggine di una stufa a benzina in una stanza sicura dell'FSA. Le temperature cadono sotto lo zero nel mese di dicembre nella città di Aleppo, e stare al caldo è difficile per combattenti e civili. Alberi in tutta la città sono stati tagliati e mobili distrutti per usare come legna da ardere nel tentativo di sopravvivere all'inverno.

23

Pazienza

Becker, 19 anni, in attesa dell'autorizzazione per attraversare un vicolo dei cecchini.

24

Ovunque

Fori di proiettile e fuliggine coprono quasi tutto nella Città Vecchia di Aleppo.

25

Lunghe passeggiate ad Aleppo

Il dottore, 19 anni ed ex studente di tecnologia informatica, porta la sua arma su una tracolla durante le pattuglie intorno ad Aleppo.

27

Armi fatte in casa

Saed posa con un missile fatto in casa. Poiché la FSA non è stata in grado di ottenere assistenza militare internazionale, ha dovuto sviluppare le proprie armi. Sfortunatamente le armi fatte in casa sono soggette a malfunzionamenti e le lesioni correlate sono comuni.

28

Tè, sigarette e kalashnikov

Una sintesi delle prime linee di Aleppo. Gli uomini della FSA bevono costantemente tè, fumano sigarette e litigano. Benvenuto in War. Benvenuto ad Aleppo.


Guarda il video: Spetsnaz Special: The Legendary Kalashnikov RT Documentary