Non vai da nessuna parte senza uno Xanax in tasca

Non vai da nessuna parte senza uno Xanax in tasca

Sei un ragazzo di una grande città che vive in un mondo suburbano. Preferisci l'esperienza agli oggetti materiali e una delle tante cose che il tuo mondo a misura di famiglia non offre è l'esperienza. Quindi viaggi, il che spesso significa che voli, ma preferiresti di no. Ecco perché hai uno Xanax in tasca.

C'è sempre uno Xanax in tasca. Sono anche nel tuo vano portaoggetti, sul comodino e nella borsa che porti al lavoro.

Quando eri più giovane, prima che il tuo cervello diventasse il tuo più grande nemico, ti piaceva andare in Texas in un furgone di merda con i tuoi amici - anche i tuoi compagni di band - in parte perché ti sei ispirato e in parte perché guidare non era volare.

Ma non sei più giovane. Sei più grande. E ogni volta che ti metti al volante della Toyota Corolla rossa del '99 che hai ereditato da tua nonna, non pensi ai viaggi notturni con Coast to Coast AM sul quadrante o all'acquisto di cappelli arancione brillante con le parole "NRA Freedom" su di loro dai negozi di antiquariato lungo la strada. Invece, pensi alla volta in cui hai schiantato la tua auto sul fianco di una montagna durante una tempesta di neve a Ely, Nev.

Bloccato a Ely senza ricezione cellulare, cibo e acqua, hai capito che guidare, come volare, era una trappola mortale, con cui non volevi avere niente a che fare.

Un amico suggerisce una terapia per la tua follia e tu acconsenti a malincuore perché non puoi vivere nella paura perpetua dell'ignoto. Ancora più importante, non vuoi. Dopo 18 mesi di sessioni settimanali, impari che l'unico modo per sconfiggere l'ansia e la claustrofobia è affrontare i figli di puttana a testa alta.

Il tuo battito cardiaco aumenta e vuoi saltare perché vuoi uscire dalla gondola, fuori dalla follia.

Quindi voli a Memphis, Tennessee, e guidi a casa un furgone da 15 passeggeri (con rimorchio). Fai lo stesso ad Austin, Texas, San Francisco, California e New York City. Le pillole sono l'unica cosa che controlli sui voli, ma il tuo medico ti avverte che lo Xanax può creare dipendenza. Il tuo terapeuta è d'accordo e ti suggerisce di metterti in situazioni di ansia e di affrontarle senza droghe. Stai pagando soldi per il consiglio di questo sconosciuto, quindi come quelle volte in cui tua madre ti ha fatto portare fuori tuo fratello a giocare con te e i tuoi amici, metti il ​​tuo Xanax in tasca ma non ne riconosci la presenza.

Fai zipline sull'isola Catalina. Cavalchi uno Zeppelin. Fai paddleboard a Long Beach. Guardi uno di quei remake di "Superman" su un volo e non impazzire quando, nel film, un aereo sta precipitando. Ti ritroverai sardinato nella folla di ammissione generale a uno spettacolo di Snoop Dogg al Wiltern.

Questi non sono divertenti. Queste sono esperienze di apprendimento.

Piuttosto che attacchi di panico a tutti gli effetti in situazioni di tensione, ti distrai con messaggi di testo agli amici e allacciati le scarpe. Sorprendentemente, questo inizia a funzionare.

Tuttavia, non sei guarito. Non sarai mai curato. Tuttavia, puoi superare l'ansia, che ti viene in mente quando parcheggi il veicolo del tuo amico in una struttura sotterranea a Sugar Bowl, una stazione sciistica a Norden, in California, e rimuovi i bagagli. Pensi di andare al banco del check-in quando un giovane con un berretto mette il tuo bagaglio su una gondola e lo manda via.

Poi ti colpisce: questo non è il banco del check-in. Ti stai imbarcando per un giro di otto minuti verso uno dei pochi lodge innevati del paese, attraversando fino a 300 piedi durante il tempo di 14 gradi. Nella tua valigia blu - nell'altra gondola - ci sono le tue pillole.

Al traguardo dei tre minuti, ti illudi di poter vedere la destinazione finale. Non puoi. Non importa la neve; inizi a sudare. Il tuo battito cardiaco aumenta e vuoi saltare perché vuoi uscire dalla gondola, fuori dalla follia. Adesso.

Ma non salti. Piuttosto, usi il metodo di distrazione che ti ha insegnato il tuo terapista. A sinistra ci sono alberi coperti di neve. Sembri giusto e vedi lo stesso. Il sudore smette di gocciolare dall'ascella lungo il fianco. Il tuo battito cardiaco diminuisce e sorridi perché non c'è neve o alberi come questi nel sud della California.

Meno di 48 ore dopo, i tuoi piedi sono legati a pesanti scarponi fissati a sci che penzolano dall'ascensore che ti portano in cima alla pista Nob Hill allo Sugar Bowl. Mentre la tua sedia scala la montagna, l'istruttore ti mostra come scendere dall'ascensore, spiegandoti come piegarti in vita ed esplodere verso l'alto una volta che la sedia arriva a destinazione. È un professionista, quindi non ci pensa due volte quando ti spinge la schiena sopra la barra mentre ti trovi ad almeno 50 piedi da terra, ignaro del pericolo in cui ti sta mettendo. Ma non sei ignaro.

Inoltre, non stai raggiungendo il tuo Xanax.


Guarda il video: Fred De Palma u0026 Sofia Reyes - Il tuo profumo Official Video