11 istantanee di una valle dell'Alaska

11 istantanee di una valle dell'Alaska

IL KUGRAK È UNA VALLE DRAMMATICA tra migliaia. Il fiume è un affluente superiore del Noatak e scorre attraverso le montagne della Western Brooks Range dell'Alaska, nel Gates of the Arctic National Park. Oggettivamente parlando, il Kugrak non merita più attenzione delle centinaia di valli scolpite nei ghiacci che lo circondano. Eppure, per me, lo fa.

1

Il Kugrak

... scocca una freccia dalla sua confluenza con il Noatak più grande fino alle sue sorgenti. La valle vera e propria è lunga forse una dozzina di miglia, il fiume non è particolarmente profondo, largo o dilaniato dalle rapide.

2

Durante il mese di agosto

... una discreta corsa di salmoni inondano il fiume, e si raggruppano in gruppi scuri sotto gli argini tagliati e le pozze d'acqua. Anche gli orsi lo sanno, ed è raro che trascorra una giornata lungo il Kugrak inferiore e non veda un bruin vagare oltre, o che si tuffi con selvaggio abbandono nell'acqua limpidissima.

3

Ho visitato

... il Kugrak in tre viaggi negli ultimi due anni. Sul primo, un gruppo di clienti e io non avevamo una destinazione particolare. Piuttosto, stavamo cercando un posto incantevole dove accamparci per alcuni giorni nella parte occidentale delle Porte dell'Artico. Abbiamo volato in basso nella valle di Noatak, alla ricerca di quel posto migliore. Mentre passavamo, indicai il Kugrak e il pilota si voltò. Poche miglia più in alto nella valle ruotò, controllando una panchina della tundra in cerca di un posto dove atterrare. Poi, con grazia sorprendente, posò l'aereo sul pendio angolato.

4

Ci siamo accampati

... sulla morbida tundra accanto a un ruscello roccioso di acqua limpida, che abbiamo bevuto direttamente dalle piccole cascate. Per tre giorni vagammo e guardammo il tempo attraversare le pareti ripide e rocciose della valle.

5

La mia prossima visita

... arrivò più tardi nello stesso anno, durante un viaggio in canoa lungo il più grande Noatak. Ci siamo accampati alla foce del Kugrak per tre notti.

6

Il primo

... Stavo rannicchiato nella tenda del cuoco mentre preparavo la cena, quando ho sentito la mia co-guida fuori dire: "Ehi a tutti, guardate in alto, laggiù". Sapevo senza controllare che ci fosse un orso. Ma non ce n'era solo uno, ma cinque. Una scrofa con quattro giovani cuccioli inauditi.

7

Per due ore

... abbiamo visto l'adulto pescare il salmone. Ne prese una mezza dozzina, che condivise con i suoi quattro giovani turbolenti. La cena che stavo preparando giaceva dimenticata e troppo cotta sul fornello.

8

La mia visita più recente

... al Kugrak non è arrivato sotto il cielo azzurro del mio viaggio precedente, ma all'inizio del periodo più piovoso del clima artico nord-occidentale dell'Alaska che abbia vissuto negli ultimi anni. Stavo di nuovo remando sul Noatak, questa volta con cinque clienti. Ci accampiamo su una sbarra di fiume di fronte alla foce del Kugrak. La pioggia cadeva nell'alta valle e potevamo vedere strati di materiale che oscuravano le montagne nelle sorgenti.

9

L'affluente

... era in piedi, anche se ancora limpido, e siamo riusciti a tirare fuori tre adorabili temoli dalle sue acque per il pranzo del nostro secondo giorno. Ma poi, sembrava senza preavviso, l'acqua del Kugrak passò dal blu limpido al grigio impenetrabile. Sorse a grandi torrenti, tendendo e poi travolgendo i suoi argini. Il Noatak ha seguito l'esempio, alzandosi di 18 pollici durante la notte e minacciando il nostro campo. Il vento ha abbattuto il Kugrak, cercando di sollevare le nostre tende da terra. Abbiamo battuto la tenda del cuoco con pali extra e rivestito le pareti interne con pesanti barili di cibo e sacche di attrezzature.

10

La terza mattina

... ancora battuti da un vento implacabile, siamo fuggiti. Caricammo le canoe in una burrasca e remammo lungo le acque torbide e gonfie del fiume Noatak.

11

Amo il Kugrak

... come amo solo pochi altri posti sul pianeta. Lo adoro perché ho visto alcune delle sue tante facce. È facile amare un posto in una limpida giornata autunnale quando la tundra si illumina di arancione e rosso. È più difficile amare quando è oscurato dalla nebbia e dalla pioggia battente. Conoscere un luogo nella sua varietà di stati d'animo dipinge un quadro più completo di quanto non faccia una giornata di tempo da cartolina. Ma come un caro amico nel mezzo di una rabbia, so che lo scoppio d'ira finirà per trasformarsi in calma.


Guarda il video: Il clima sta cambiando. Come facciamo a saperlo?