Sulla bella vita condotta da Punxsutawney Phil e la mia gelosia per detta vita

Sulla bella vita condotta da Punxsutawney Phil e la mia gelosia per detta vita

È il 3 febbraiord e fa freddo. Farà freddo per altre cinque settimane e sei giorni perché ieri si era deciso così. Non era un meteorologo o uno scienziato di alcun genere che considerava le sei settimane successive un'estensione dell'inverno. Non era né un dio né uno spirito potente di qualche tipo. Non era Jack Frost.

Ieri era un roditore, nome latino Marmota monax, Marmotta di nome inglese, che è fondamentalmente un castoro senza acqua, che ha prolungato il nostro già freddo inverno. Non ha (e sappiamo che è un "lui" di sicuro - sentitevi liberi di controllare voi stessi) ha detto: "Sì! Altre sei settimane! " Tutto quello che doveva fare era vedere la sua ombra, emettere qualche cinguettio nervoso e arrampicarsi nell'oscurità da cui proveniva. Che vita conduce il mio amico, Phil, la mascotte della piccola città di Punxsutawney.

Immagino una vita simile per me e le cose iniziano a sembrare piuttosto belle. Trascorro tutta la fine di ottobre e i mesi successivi, fino al primo giorno di febbraio, a dormire in un buco nel terreno. A volte faccio un brutto sogno, quindi mastico delle ghiande. La masticazione ripetitiva mi calma. Ho impostato la sveglia per il 1 ° febbraio così posso avere una giornata per fare la doccia, lucidarmi le scarpe, comprare un bel maglione business-casual - nel caso in cui non vedessi la mia ombra il giorno successivo, voglio essere pronto per l'inizio della primavera . Mi alzo presto il 2 per andare a Coffee Bean and Tea Leaf e, guarda caso, c'è un'orribile figura grigia che segue ogni mia mossa appena sopra il terreno. Questo è tutto; Sono fuori. Ci vediamo il 21 marzo.

Guardando il film ormai classico di Harold Ramis giorno della marmotta (1993) rende facile associarsi alla marmotta, nota anche come marmotta, nota anche come maialino. Nella sceneggiatura di Ramis (scritta con Danny Rubin), Punxsutawney Phil non vive sottoterra, non vede la sua ombra, non fa molto se non farsi maneggiare dal sindaco di Punxsutawney. Il sindaco insiste che Phil gli abbia parlato in marmotta e ha dichiarato l'estensione dell'inverno. Phil non torna in un buco, ma piuttosto in un nido di legno dall'aspetto accogliente costruito per lui dai cittadini. Può parlare. Vive in un luogo civile. Ha un nome umano. E, quando viene rapito da un meteorologo con lo stesso nome, interpretato dal leggendario Bill Murray, guida un camion.

Il personaggio di Murray, Phil, sperimenta il 2 febbraio più e più volte attraverso una strana connessione cosmica con il roditore. Guardando di nuovo il film qualche settimana fa (era nella mia biblioteca locale e non lo vedevo da quando ero bambino), ho sentito fitte di gelosia nei confronti del meteorologo. All'inizio si arrabbia di dover rifare la giornata più e più volte perché vive a Pittsburgh e preferisce non essere bloccato nel Punxsutawney dimenticato da Dio. Ma ho subito riconosciuto il fascino della città più piccola quando vi entrò, con i suoi cucchiai unti, il suo spirito comunitario aconfessionale e i suoi piacevoli bed and breakfast. Nell'arco di tempo del film - che copre qualcosa come 50 giorni ricorrenti - Ramis e Murray trasformano Phil in un amante del sentimento di piccola città. Lo adora così tanto che, dopo aver tentato il suicidio cinque volte e aver ucciso l'innocente marmotta, sceglie di vivere a Punxsutawney. Il suo lieto fine è acquistare il B&B locale.

L'anno scorso ho fatto un giro in auto nell'Isola del Nord della Nuova Zelanda, un paese di quattro milioni di residenti. L'intera popolazione della nazione è molto meno della metà della popolazione dello stato della Pennsylvania. Cucchiai unti, atmosfera da piccola città e spirito di comunità sono le norme dominanti nelle città di Whakatane, Napier e Wairoa. La gente esce per le parate e celebra i non festivi solo per il gusto di festeggiare. I neozelandesi che non possiedono fattorie amano fare arti e mestieri, come il vetro soffiato, sculture art déco, sciarpe di lana funky. La maggior parte del latte non è pastorizzato o omogeneizzato. I bed-and-breakfast comprendono tutti pavimenti riscaldati, portasciugamani riscaldati e coperte elettriche. Le cose sono semplici e sono belle.

Ma quando assaggi una vita che non vivi, tendi a volerne di più, soprattutto se il viaggio è breve. Questo è il motivo per cui le generazioni successive al Baby Boom si sentono così a loro agio nel raccogliere e lasciare i sobborghi pieni di noia. L'avvento di aerei, treni e automobili a noleggio ha permesso che potessi lasciare Los Angeles per la Nuova Zelanda e trascorrere un mese guidando tra i pascoli delle pecore e dormendo nei frutteti di kiwi. La vita mi ha impedito di acquistare una proprietà a Wellington e non avrei avuto abbastanza soldi per sopravvivere al mese.

Non avevo la sicurezza, il sostegno dei miei cari o i poteri mistici di una marmotta necessari per restare in Nuova Zelanda. A differenza di Bill Murray, non ho una Andie MacDowell disposta a lasciare il suo lavoro a Pittsburgh 9 solo per vivere in un luogo accogliente, piacevole e non competitivo, lontano dalle trappole della vita dei quartieri poveri. Non ho nemmeno paura della mia ombra. Pochi di noi lo fanno. Ma in entrambi i Phils, il protagonista e l'omonimo di giorno della marmotta, Vedo un uomo che all'inizio avrebbe odiato la Nuova Zelanda, e poi l'ha amata abbastanza da trasferirsi lì. Vedo una marmotta il cui atteggiamento zen potrebbe alleviare la tristezza che provo non vedendo il mare di Wellington ogni mattina quando mi sveglio. E vedo una piccola città del cinema che vorrei fosse esattamente così.


Guarda il video: Rompere i loop delle relazioni. Fine dellinibizione