Saggio fotografico: in una piccola città della Catalogna in missione di arrampicata

Saggio fotografico: in una piccola città della Catalogna in missione di arrampicata

Gli ambasciatori del Matador Katie Lambert e Ben Ditto hanno trascorso l'inizio dell'inverno scalando le rocce calcaree della Catalogna e incontrando la gente della regione.

Essendo arrampicatori, viaggiamo per il mondo alla ricerca della migliore arrampicata, e questo ci porta in alcune destinazioni oscure. Lo scorso inverno, abbiamo cercato le scogliere calcaree della Catalogna, dove abbiamo trovato non solo alcune delle rocce più belle in circolazione, ma anche una cultura con profonde radici storiche.

[Tutte le foto di Ben Ditto]

1

I passi echeggiano

... attraverso i corridoi delle strade, e un gatto nero solitario urla per richiamare l'attenzione in una finestra vuota. Ci si sente addormentati qui nel borgo medievale di Cornudella de Montsant. La maggior parte del villaggio è composta da anziani catalani e alpinisti. Le strade strette si snodano attraverso file di edifici a tre piani con facciate risalenti ai secoli XVII e XVIII, molti dei quali sono in vendita. La Spagna sta attraversando una fase di recessione economica e la maggior parte dei giovani si è trasferita nelle città.

2

Ogni quarto d'ora

... fino a mezzanotte, le campane dell'Esglesia Parroquial de Santa Maria risuonano per il paese. Nonostante il comportamento assonnato di Cornudella, il tempo sembrava scivolare via troppo in fretta. Prima che ce ne rendessimo conto, era di nuovo domenica mattina e la gente del villaggio stava andando a Messa. Dal terrazzo della casa che avevamo affittato, potevamo vedere la chiesa e le scogliere sullo sfondo. Mentre i cittadini celebravano la loro religione, noi abbiamo celebrato la nostra portandola alle rocce.

3

Molti agricoltori

... vivo ancora a Cornudella, Vicente ne è uno. Vive con i suoi due fratelli e tutti coltivano nocciole. Si definiscono poveri, ma trascorrendo del tempo con loro, si può dire che sono ricchi in modi che il denaro non potrebbe mai permettersi.

4

Il piccolo villaggio

... di Albarca (situato proprio a monte della strada che parte da Cornudella) è praticamente un paese fantasma. Tutto ciò che resta sono gli edifici e le storie che custodiscono.

5

Sopra Cornudella

... situato in un paesaggio roccioso, è l'antico villaggio di montagna di Siurana, e uno degli ultimi castelli islamici rimasti a cadere in mano ai cristiani riconquistati. Costruito nel IX secolo come centro di controllo, è sopravvissuto inutilizzato per tre secoli. È un posto bellissimo, con strade di ciottoli e case di roccia calcarea. Su entrambi i lati, la terra cade nelle valli sottostanti: il fiume Siurana da un lato e le terre coltivate dall'altro.

6

Olivicoltura

... è vivo e vegeto nella regione. Generazioni di persone trascorrono tutta la vita con la terra: è una vita modesta e dura. Tutta la loro energia e il loro tempo sono investiti nella terra e nella sua generosità; si può solo sperare di avere qualcosa da dimostrare negli anni. Le olive della regione e il loro olio sono tra i migliori che abbiamo avuto il piacere di degustare.

7

Una delle cose più recenti

... per venire in zona è l'arrampicata su roccia. Cornudella si trova accanto ad alcune delle migliori arrampicate calcaree del mondo. Il richiamo delle rocce porta molte persone nell'area, dando una spinta economica all'intera regione. La giustapposizione del contadino laborioso e dello scalatore laborioso è interessante. Proprio come gli agricoltori, gli alpinisti lavorano all'interno del paesaggio. Costruirsi per adattarsi alla roccia. A volte arriva facilmente, molte volte è una lotta: ci lavori, ci investi, ti sforzi di vedere il successo. Sviluppiamo un rapporto intimo con le rocce e alla fine, che ci riusciamo o meno, abbiamo imparato lezioni preziose che non potrebbero essere ottenute da nessun'altra parte. Immagino che questa sia una vita simile a quella degli olivicoltori, dell'uva e delle noci: trascorrono intere vite lavorando a qualcosa, lottando a volte, crescendo con i frutti con il passare delle stagioni.

9

Ogni giorno

... il sole tramonta, una gioia semplice e profonda, qualcosa che avremo sempre, che non potrà mai essere portata via o sventata dalla finanza, dai tempi duri o dall'età.

10

Piscine agricole

Per ogni vigneto, oliveto o campo di noci, c'è una o due piscine riempite d'acqua. Sebbene il Mediterraneo sia vicino e l'umidità alta durante l'autunno, l'inverno e la primavera, i mesi estivi sono piuttosto aridi.

11

Dietro ogni curva

... e giù per ogni pendio ci sono terrazze rocciose, alcune risalenti ai tempi dei romani. In ogni appezzamento terrazzato ci sono alberi carichi di ulivi o filari di viti nel loro sonno invernale. Di generazione in generazione, l'agricoltore tramanda la sua trama. La storia del luogo non deve essere scritta su nessuna tavoletta; si può degustare nei prodotti della regione.

12

All'estremità sud

... della città è un edificio che ricorda una chiesa. È la Cantina Adscrit a la Denominacio D'Origen - una cooperativa agricola costruita nel 1919 dall'architetto catalano Cesar Martinell i Brunet. È qui in questa Cattedrale del Vino, con i suoi portali ad arco e la sua navata, dove gli agricoltori locali di olive e uva possono portare i loro prodotti per essere pressati e invecchiati alla perfezione, producendo alcuni dei migliori vini e olio d'oliva della zona. Quasi tutto qui funziona nello stesso modo in cui ha funzionato storicamente. I tini di vino, che ospitano fino a 1 milione di chili, sono gli stessi dei primi tempi della cooperativa.

13

Bottiglie di vino

...per ranci. Parte del processo di invecchiamento prevede che il vino venga messo in queste bottiglie di vetro per un anno e conservato all'aperto. Ranci è un particolare tipo di vino che combina costantemente l'uva vecchia degli anni precedenti con esemplari più recenti. Abbiamo visto queste bottiglie in molti posti: case, bar, ristoranti. Abbiamo trovato il vino molto simbolico della regione.


Guarda il video: Focus on: Catalogna - La Storia sul Tubo