Vivere vicino alla terra a Kauai

Vivere vicino alla terra a Kauai

Come un tranquillo guerriero di un bambino, speravo segretamente di essere mandato a vivere con il mio padrino quando i miei genitori erano stati troppo severi. Era un orgoglio segreto che nutrivo sapere che avrei potuto scappare nella giungla se necessario. I ricordi di Kauai e del mio padrino / cugino Christopher Robin erano come brillanti avventure infantili del libro di A. A. Milne, tranne per il fatto che il caro amico di Pooh, Maialino, veniva servito per cena.

Ho trascorso molte estati della mia infanzia a Kauai in visita a mio cugino Christopher Robin. Quando avevo circa 10 anni, ricordo di aver fatto un'escursione con lui lungo la costa di Napali quando mi disse che sarebbe "tornato subito" e di "continuare semplicemente su questo sentiero". Era passato abbastanza tempo perché mi sentissi un ribelle, ma non abbastanza da farmi preoccupare quando mi raggiunse con una capra sulle spalle. Lo aveva sparato con arco e frecce, e quella notte l'avremmo fumato. Sorrise e mi lanciò dei limoni che aveva raccolto che sapevano di arance, e li mangiai felicemente finché la mia lingua non fu cruda. Ricordo di aver pensato che fosse selvaggio, e che il selvaggio fosse una buona cosa.

Prima del mio viaggio più recente non tornavo a Kauai da 10 anni. Christopher ha una famiglia ora, e vivono felici contro le montagne e si godono il cinghiale affumicato quando il destino lo consente, il che è spesso. Mi chiedevo se i miei ricordi patinati di un uomo selvaggio nella giungla si adattassero ancora al Christopher Robin di oggi, un uomo di 42 anni con quattro figli e conti da pagare.

Ho sempre voluto fare un cortometraggio su Christopher. Sento che i film che voglio fare di più sono i film che devono dimostrare qualcosa a me stesso, come "Fai quello che ami e il resto segue" o "Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo". Con questo, si trattava di natura selvaggia. Perché compro carne dalla drogheria e l'unica prova di aver mai ucciso qualcosa è una mia foto quando avevo cinque anni con un pesce alla fine di una fila. Ho detto alla figlia di sette anni di Christopher, Elva, che non avevo mai ucciso nulla e lei sembrava sorpresa, e forse un po 'confusa su quello che facevo. Più tardi, l'ho vista tenere il cuore di un cinghiale che poche ore prima aveva chiamato "Pixy" mentre dava da mangiare alle guaiave animali in gabbia.

C'era solo un altro regista che potevo pensare di portare in questo mondo. Ho chiesto a Thatcher Bean di co-dirigere il film a causa della sua curiosità per ciò che Kauai ha in serbo e per il suo occhio unico per la bellezza della natura. Abbiamo trascorso due settimane in una tenda al pascolo dietro la casa di Christopher. Quello che abbiamo catturato sarà trasformato in un cortometraggio che verrà rilasciato entro la fine dell'anno. Rimanete sintonizzati.

1

L'occhio del cinghiale

Presa in trappola, Pixy il cinghiale attende il suo destino. Era selvaggia, ma familiare e quasi da compagnia della famiglia perché viveva vicino alla casa. Ci sono sforzi per sradicare il cinghiale a Kauai, quindi Christopher ha delle trappole che lascerà su un terreno dove i proprietari hanno un problema con i cinghiali nella loro proprietà.

2

Il richiamo delle montagne

La nostra vista dalla tenda. Se guardi da vicino puoi vedere le cascate.

3

Passato ai ragazzi

Abbiamo avuto l'opportunità di filmare Christopher che scuoia i cinghiali un paio di volte, e suo figlio di 4 anni Pali era sempre lì a fare domande e curioso di sapere cosa stava facendo suo padre. Le sue domande non erano lontane dalle mie.

4

Pronto a mangiare

La carne di cinghiale è una parte importante della dieta della famiglia. Viene utilizzato quasi tutto il cinghiale e il modo preferito di Christopher per preparare la carne è affumicarla. La spellatura e il disossamento della carne richiedono un'ora buona e l'affumicatura dura circa un giorno.

5

Sfocato tra locale e haole

Christopher vive a Kauai da oltre 20 anni. Ha un forte legame con l'eredità delle Hawaii e manda i suoi figli a scuole di lingua hawaiana. Crede che sia importante che siano collegati alle loro radici. Anche se quando parla di casa, è ancora del New Mexico quello di cui parla, ei suoi figli sanno da dove viene papà. È stato affascinante parlare con Christopher dell'essere un locale bianco a Kauai perché è un argomento così delicato lì.

6

Il progetto senza fine

Siamo stati molto grati a Christopher di averci prestato il suo camion per scatenarci intorno all'isola. Il camion è costruito per la caccia e ha l'odore per dimostrarlo. Christopher è ben noto nella zona, quindi abbiamo ricevuto un sacco di shaka e onde dalla gente del posto finché non ci hanno visto chiaramente e hanno chiamato Christopher per vedere se qualcuno ha rubato il suo camion. Salutammo allegramente indietro e cercammo di comportarci in modo calmo, ma ovviamente eravamo due turisti in un furgone.

7

Se potessi vivere per la frutta

Lili koi è cresciuto intorno alla casa e mi è stato detto che se fossi rimasto qualche mese in più avrei avuto più mango, poi sapevo cosa farne. Ho stabilito un nuovo obiettivo per avere frutta diversa in tutto il mondo, e se posso godermi quella frutta sulla spiaggia? Punti extra. La frutta è l'unica cosa che non mi preoccupa di cercare. Foto: Thatcher Bean

8

Nel bosco

Christopher ci ha portato più volte nei boschi a cacciare con solo il suo coltello e cani. È stata l'escursione più intensa che avessi mai fatto. Entrando e uscendo da alberi e rampicanti, arrampicandoci nel fango, mi è stato detto che c'era un sentiero anche se ci è voluto un po 'di sforzo per seguirlo. È stata una sfida per le riprese, ma sono stato così grato di vedere una parte di Kauai che pochi riescono a vedere. Foto: Thatcher Bean

9

Suoni di scuoiatura

Thatcher ha voluto concentrarsi in gran parte sul suono per queste riprese. Avevamo microfoni appesi in vari punti intorno al cinghiale e Christopher, nonché un microfono a fucile puntato sull'azione. Thatcher voleva che il suono naturale fosse l'elemento che attira le persone nel momento. Dopo aver visto il filmato penso di aver cambiato tutta la mia strategia per la registrazione audio per le riprese di documentari. È stato emozionante spingere i confini di ciò che è possibile per le riprese corri e spara.

10

Oso il cane

Guardiano della casa, tutti sbavano senza mordere, Oso il cane era una margherita nella sua ultima vita. Il suo fetore lasciava intendere che avrebbe potuto rotolare nella cacca di cinghiale tutto il giorno, ma aveva una faccia che ti faceva venire voglia di coccolarlo da lontano. A tutta velocità viene facilmente confuso con un toro in carica e ho perfezionato la schivata del mio torero per evitare i suoi flussi di bava luccicante.


Guarda il video: 9 Pianeti Su Cui Un Giorno Potremmo Vivere