Ritratti di anziani rurali di Oaxaca

Ritratti di anziani rurali di Oaxaca

    “Se guardi profondamente nel palmo della tua mano, vedrai i tuoi genitori e tutte le generazioni dei tuoi antenati. Tutti loro sono vivi in ​​questo momento. Ognuno è presente nel tuo corpo. Sei la continuazione di ciascuna di queste persone ". ~ Thich Nhat Hanh

FONDATO NEL 2010 e con sede a Santo Domingo Tonalá Oaxaca, Proyecto Raíces (il progetto Roots) adotta un approccio di base per migliorare la qualità della vita degli anziani che vivono in estrema povertà fornendo loro cibo, riparo e cure.

I fondatori di Proyecto Raíces vedevano un bisogno nella comunità degli anziani di Tonalá; un'esigenza che ho anche osservato. La maggior parte degli anziani che ho incontrato vive in circostanze impoverite, spesso con poche o nessuna interazione umana quotidiana; alcuni sono stati praticamente abbandonati a causa degli alti livelli di emigrazione a Napa, California (da questa particolare comunità).

Questi anziani hanno passato la vita a lavorare nei campi, nelle loro case, nell'edilizia; alcuni hanno persino attraversato il confine settentrionale ad un certo punto della loro vita per lavorare legalmente come alcuni dei primi "Braceros" (lavoratori manuali).

Il tema dell'emigrazione è profondamente intrecciato nella storia della comunità ed è spesso la causa della separazione di intere famiglie per anni e anni. Date le difficoltà incontrate, le attività e le iniziative svolte da Proyecto Raíces stanno cambiando il modo in cui gli anziani sono trattati e visti a Tonalá, oltre a migliorare la loro qualità di vita.

Ogni volto e ogni serie di mani fotografate riflette un'intera storia di vita di un anziano con tra i 68 ei 94 anni di esperienze, avventure e storie diverse. Le mani degli anziani illustrano una connessione tra generazioni mentre mostrano l'espressione fisica del passare del tempo, così come il cambiamento come costante nella vita; la maggior parte di noi un giorno guarderà le nostre mani e vedrà un'immagine simile.

1

Amalia

Amalia ha 76 anni e vive da sola. Si prende cura del fratello maggiore ed è straordinariamente motivata e indipendente. Ha una figlia che vive anche lei nel villaggio e che cerca sempre di convincere Amalia a trasferirsi con lei; Amalia preferisce restare a casa sua e prendersi cura del fratello maggiore.

2

Cirenia

Cirenia ha 68 anni. Vive con sua nipote, poiché suo fratello e la sua famiglia risiedono in California. È difficile per lei spostarsi a causa della sua dolorosa artrite. Ha pochi contatti con la sua famiglia che risiede negli Stati Uniti.

3

Guadalupe

Guadalupe ha 80 anni e vive ad Atenango, un villaggio più piccolo vicino a Tonalá. Vive da sola e lavora nella vendita di frutta e verdura nelle comunità circostanti nei giorni di mercato.

4

Azucena

Azucena ha figli che non possono o scelgono di non sostenerla. Vive da sola a Tonalá dove affitta una piccola stanza. Riceve gli aiuti del governo tramite il programma "70 y mas", che è minimo, pari a circa $ 50 dollari al mese. Vende semi al mercato quando può per guadagnare qualche soldo extra.

5

Tia Chelina

Tia Chelina ha 83 anni. Vive da sola in una proprietà di proprietà di suo fratello. Non ha figli, ma ha molti nipoti che vivono a Napa, in California. Ama ballare ed è sempre presente ai diversi “bailes” (balli) di Tonalá… ballando al suo ritmo!

6

Josefina

Josefina ha 86 anni. È vedova e vive con sua nipote, anch'essa vedova. Josefina è molto attiva nella chiesa e fa parte di Acción Catholica (Azione Cattolica), un gruppo di donne che organizzano diversi eventi e gruppi di preghiera nella comunità.

7

Luisa

Luisa ha 79 anni e tre figli, uno dei quali convive nella comunità. Ha vissuto con sua sorella fino a quando non si è ammalata. Luisa ha recentemente subito un'operazione agli occhi nell'ambito di un programma governativo, un'operazione gratuita che le ha ripristinato la vista.

8

Carmelita

Carmelita ha 91 anni. Ha figli a Tonalá, ma non si prendono cura di lei. Tuttavia, una delle sue figlie è recentemente tornata a Tonala dagli Stati Uniti per prendersi cura di lei. La figlia di Carmelita attualmente lavora a lavare i vestiti per portare fondi per entrambi.

9

Hermelia

Hermila ha 83 anni. Non ha figli e per molti anni ha vissuto con sua sorella. Quando sua sorella è morta, è stata costretta a trasferirsi e ora vive da sola. Suo nipote e la sua famiglia, che sono appena tornati a Tonala dopo anni vissuti a Houston, in Texas, ora si prendono cura di lei. Due dei figli di suo nipote sono nati negli Stati Uniti e fanno parte di un gruppo crescente di bambini migranti che tornano a vivere in Messico.

10

Margherita

Margarita ha 95 anni. Vive con suo figlio che lavora come spazzino a Tonalá, per il quale riceve $ 250 USD al mese, non abbastanza per sbarcare il lunario sia per lui che per sua madre. Margarita ha un negozio di dolciumi che gestisce da oltre trent'anni e dove continua a lavorare. Molti membri della comunità immigrati a Napa, in California, la ricordano ancora come "Tia Margarita" che da bambini vendeva loro caramelle.

11

Ricarda

Ricarda ha 85 anni. Vive con suo figlio e la sua famiglia a Tonalá. Sua figlia la sostiene il più possibile, ma è difficile poiché il suo unico reddito proviene dalla vendita di succhi in un mercato locale. Doña Ricarda è nota per aver preparato le migliori empanadas de calabaza (empanadas di zucca) che ha venduto al mercato. È stata costretta ad abbandonare la sua attività circa due anni fa dopo essersi ammalata e aver perso la capacità di camminare da sola.

12

Don Francisco

Don Francisco ha 94 anni. Si è risposato più tardi nella vita, con una donna che si è presa cura di lui fino a quando non si è ammalata ei suoi figli l'hanno portata a vivere con loro a Città del Messico. È stato triste per la separazione, ma è fortunato ad avere suo figlio e sua nuora che ora si prendono cura di lui. Era un cantante in gioventù e sarebbe stato il primo a dirti che adora fare festa! È stato un contadino (contadino) per tutta la vita, lavorando e vivendo della terra.

13

Doña Catalina

L'età di Doña Catalina è sconosciuta, ma si pensa che sia a metà degli anni '80. Era orfana ed è stata allevata da sua zia. Anche suo marito era un orfano che fu uno dei primi braceros (immigrati per lavoro manuale) ad andare negli Stati Uniti da Tonalá. Tornò a Santa Catarina, una vicina città di Tonalá, dopo aver lavorato negli Stati Uniti per alcuni anni. Vide Catalina a una festa e da quel momento fu certo che l'avrebbe sposata, e sentì un legame particolarmente forte dopo aver scoperto che anche lei era un'orfana. Catalina ha vissuto una vita bellissima con suo marito che era un uomo molto laborioso. Come dice Catalina, quando suo marito è morto, la sua vita è cambiata per sempre. Ha un figlio che non è in grado di prendersi cura di lei. Nonostante la sua lotta, Catalina ha uno spirito bellissimo e finisce sempre una frase con un sorriso e una risata.

14

Ringraziamenti speciali

Proyecto Raices è attualmente in procinto di diventare un'associazione civile formale, o A.C. (Asociación Civil) come viene chiamata in Messico; presto anche il loro sito web sarà attivo e funzionante. Un ringraziamento speciale ai fondatori di Proyecto Raíces, Alejandra e Karen per il loro supporto nel documentare le storie di questi incredibili anziani.


Guarda il video: Il ritratto di stato