Pagine e pagine di morti: la ricerca dei miei antenati irlandesi

Pagine e pagine di morti: la ricerca dei miei antenati irlandesi

Ho immaginato che la mia ricerca di famiglia andasse in questo modo.

Foto: autore

Raccoglievo alcuni nomi, poi tracciavo le mie radici direttamente nella città irlandese da cui provenivano. Individuerei facilmente i parenti perduti da tempo e poi creerei un legame permanente con loro. Avevo visioni di me che mi presentavo a un tè in un cottage di mattoni con la mia cara lontana cugina Mary, mentre suo figlio Joseph si prende cura dei campi e si presenta periodicamente alla finestra per un bicchiere d'acqua.

Invece, ho trovato vicoli ciechi, disinformazione, prove d'archivio confuse e date assurde. Ecco perché ho assunto Walter.

Ho incontrato il mio nuovo genealogista presso The Rooms Provincial Archives. Ero in ritardo e, essendo corso agli archivi per recuperare il tempo perduto, gli sono comparso davanti spettinato e senza fiato. I miei stivali rosa cigolavano a ogni passo nella silenziosa stanza delle ricerche. "Ciao, sono Candice!" Ho annunciato, troppo forte. Non ha nemmeno alzato lo sguardo, mi ha solo fatto cenno di sedermi e ci siamo messi al lavoro.

Conosceva la sua roba; Mi sono seduto lì mentre estraeva i dischi dalle scatole e dagli scaffali. Mi porse un libro gigante pieno del cognome walsh. Lesse facilmente la sua strada attraverso la calligrafia scarabocchiato, mentre io tenevo il testo vicino al mio viso, strizzando gli occhi e scannerizzando a passo di lumaca.

Nelle prossime due settimane, Walter e io abbiamo passato giorni e giorni a studiare i documenti negli Archivi provinciali e negli Archivi di storia marittima. Abbiamo consultato risorse online e documenti della chiesa. Ho chiamato le parrocchie e molestato i preti per i loro dati. Ho iniziato a bere molto (leggi: ho ripreso a bere pesantemente).

Le foto di me a 18 anni che poso con la faccia da papera allo specchio saranno considerate vintage?

Durante la ricerca, ho sentito un crescente senso di paura. Ricordo Walter che sfogliava le pagine e borbottava: "Solo pagine e pagine di persone morte". Migliaia di persone che hanno vissuto una vita piena ed erano amate dalle famiglie, che non si sono mai preoccupate di tenere i registri. Chi non poteva concepire l'idea che 200 anni dopo, un lontano parente avrebbe cercato di imparare qualcosa su di loro. Loro solo vissuto. Qualcuno mi cercherà tra 200 anni? Qualcuno troverà il mio profilo Facebook come prova d'archivio? Le foto di me a 18 anni che poso con la faccia da papera allo specchio saranno considerate vintage?

Quello che so è che la mia famiglia si è stabilita a Burin, una penisola nella baia di Placentia di Terranova e Labrador. Sono arrivati ​​negli ultimi 200 anni, per ragioni sconosciute. Sono stato fregato sin dall'inizio, Walsh è il nome irlandese più comune a Terranova e uno dei più comuni in Irlanda. Ci siamo riprodotti come conigli, a quanto pare. Mancavano i dischi di cui avevo bisogno dalla zona in cui sono cresciuto. La mia unica grazia salvifica era il fatto che l'uomo che stavo cercando, il mio bis bis bisnonno, avesse un nome insolito: Wilfred.

Mi sono chiesto perché mi sarei anche preoccupato di questa ricerca, perché importava da dove venissi. A metà, mio ​​zio ha subito una morte violenta troppo recente per descriverla qui. Ho pensato, perché ci tengo a tutto questo, quando trascuro la famiglia che ho adesso? Sono stato costretto ad affrontare la mia mortalità. Quanto velocemente la nostra esistenza viene cancellata con poche generazioni.

Ma l'ossessione di Terranova per il nostro legame con la "casa" non è una novità e sono sempre stato trascinato in Irlanda. Il Terranova viene spesso definito "il luogo più irlandese al di fuori dell'Irlanda" e nel corso degli anni abbiamo preso in prestito la lingua, le tradizioni e la musica. Come gli irlandesi, abbiamo la reputazione di essere ospitali e innamorati della bevanda. Siamo anche buoni narratori e amanti.

La mia grande svolta è avvenuta quando Walter e io abbiamo iniziato a esaminare ogni singolo documento di matrimonio walsh a Terranova nel periodo in cui i Walsh vivevano a Burin. Abbiamo scoperto che diverse famiglie Walsh si stabilirono in aree diverse e la maggior parte di quelle a Burin proveniva dalla contea di Waterford. Questo ha senso, dal momento che la più grande popolazione irlandese di Terranova proveniva dalla Contea di Waterford.

Abbiamo quindi trovato una lapide a Burin con tre nomi Walsh: Michael, John e Richard. Nomi che sono dominanti nel mio albero genealogico. Erano di Aglish, Waterford, mentre altri Walsh's / residenti nella zona erano di Lismore ... entrambe le città che si trovano a poche miglia l'una dall'altra.

Il 2013 è l'anno di The Gathering in Ireland, un invito aperto al mondo a tornare in Irlanda per esplorare le proprie radici. Nelle prossime cinque settimane viaggerò per il paese, intraprendendo una missione di "ritorno a casa" e cercando dio sa cosa. Famiglia. Posto. Un senso di appartenenza. E se non trovo nessuna di queste cose, Terranova mi darà il benvenuto.


Guarda il video: LA VITA SU UNA NUOVA TERRA - Sostituendo lanima rettiliana