3 cliché del backpacking e dell'hosteling che vale la pena esaminare

3 cliché del backpacking e dell'hosteling che vale la pena esaminare

Ovviamente quando esamini la verità dietro qualsiasi cliché arrivi invariabilmente alla conclusione che la realtà non è così in bianco e nero come il cliché così pretende.

Di tutti i concetti o le idee che i cliché o le nozioni fantastiche toccano, penso che ce ne siano alcuni davvero radicati - almeno nella cultura occidentale - riguardanti attività come 'backpacking', 'hostelling', 'backpacking Europe', 'backpacking Asia, "Zaino in spalla in Sud America," ecc. Praticamente qualsiasi soggiorno epico esteso, solitario o con un amico intimo durante il quale le verità vengono rivelate e tu ritorni saggio e in pace o qualsiasi altra cosa. Hai avuto l'idea. Ad ogni modo, c'è una certa storia d'amore che le persone credono e tentano di perseguire nel loro impegno in queste attività (penso che questo sia un obiettivo completamente ragionevole, a proposito), e sono qui oggi per discutere di quelle che penso siano più pervasive.

Ti "ritroverai".

La mia intenzione con questo articolo non è assolutamente quella di cagare sui viaggi o sulla crescita personale molto reale e la comprensione mondana che può promuovere. Indipendentemente da ciò, sento che viaggiare allo scopo di `` trovare te stesso '' è un obiettivo essenzialmente privo di significato, perché l'idea di `` trovare te stesso '' non significa praticamente nulla, o almeno può essere interpretato in così tanti modi che qualsiasi consenso reale sull'espressione è probabilmente impossibile.

Presa alla lettera, "trovare te stesso" è ovviamente paradossale, poiché, sai, sei proprio qui. Penso che ciò che effettivamente ci aspettiamo quando cerchiamo di 'ritrovarci' in lunghe incursioni in altre culture è, attraverso il romanticismo, la bellezza e i 'segreti' di un'altra cultura, scoprire un'idea intensamente significativa che, una volta pienamente compresa, ci cambierà da individui che sono confusi e non hanno una direzione chiara nella nostra vita a veri saggi che hanno un chiaro e indiscutibile senso di scopo, un sistema morale rinforzato e, generalmente, "tutto ha capito".

Anche se non credo in un tale cambiamento personale metamorfico a meno che non si sia un cristiano rinato, penso che si possa essere istruiti su certe cose mentre si è all'estero, come il modo in cui vivono altre culture, e potenzialmente una sorta di comprensione più profonda del diverso modi di vita. Penso che sia anche del tutto ragionevole aspettarsi un certo grado di realizzazione rispetto alla conoscenza dei propri confini e limiti personali. Ma "trovare te stesso"? La giuria è ancora fuori.

Incontrerai così tante persone.

In una certa misura è molto facile incontrare persone durante lo zaino in spalla. Per lo meno, l'hosting e il backpacking sono indubbiamente molto più favorevoli all'incontro con i coetanei che nella "vita reale". Ad esempio, confrontiamo un bar nella tua città con un bar in un ostello. Sono completamente diversi. In un bar nella tua città natale, molto probabilmente sei con i tuoi amici, che conosci da almeno abbastanza tempo da giustificarli come candidati per "prendere da bere". E a meno che non siate delle farfalle sociali o Casanovas o altro, la notte media per voi in un bar della vostra città probabilmente comporterà il bere un po 'di birra e talvolta sbirciare l'un l'altro e forse indicare una persona o un'offerta particolarmente attraente qualche altra osservazione su chiunque.

Al contrario, in un bar di un ostello, se stai bevendo con una cerchia di amici, è probabile che li abbia appena incontrati quella sera, o li hai incontrati qualche paese fa e ti è capitato di `` innamorarti '' di loro perché tu i ragazzi stavano andando allo stesso modo e sembravano abbastanza compatibili. E la tua serata sarà probabilmente trascorsa lentamente integrando altre persone nel tuo gruppo e / o mescolando con altri gruppi che stanno anche patrocinando il bar dell'ostello. In questo senso, incontrerai davvero persone mentre viaggi con lo zaino e in ostello. C'è un qualificatore però.

Tutta questa socializzazione richiede che tu superi costantemente una certa soglia che è associata a comfort, fiducia, capacità sociali e autostima, e non è così raro che a volte abbia difficoltà a superarla. Penso che per un individuo medio sia effettivamente scomodo incrociare, soprattutto quando si diventa realistici al riguardo; non è davvero una seconda natura per molti individui occidentali avvicinarsi semplicemente a uno sconosciuto, sorridere ed essere come "Ciao, sono [nome]", e farlo costantemente, fondamentalmente, su base giornaliera, per per quanto lungo si viaggia.

Lo zaino in spalla è idilliaco.

In molte fantasie con lo zaino in spalla, che siano in Spagna o nell'America centrale del Terzo mondo, sembra sempre implicare una sorta di aspettativa che le cose siano costantemente meravigliose e maestose e che ti facciano sentire costantemente leggeri come una brezza tropicale e così alti mentre il fungo si agita hai segnato a Koh Phangan. Le fantasie probabilmente coinvolgono momenti profondamente introspettivi e saggi in cui il personaggio centrale (il futuro zaino in spalla) - in cima a qualche montagna recentemente percorsa o forse in una lussureggiante foresta pluviale sotto una gigantesca felce - ha un'epifania così grande che torna da lei viaggio epico un individuo completamente cambiato. O notti trascorse in una delle principali metropoli europee in cui il tuo server è totalmente gentile con te, tutti gli abitanti ti sorridono e incontri il tuo appuntamento da sogno.

Ma la verità sul viaggio probabilmente include più dimensioni di quella, incluso il fatto che fai schifo su base giornaliera e che quando sei tornato nella tua stanza del dormitorio nel tuo ostello dopo una serata fuori qualcuno stava vomitando violentemente, tanto che la stanza si riempie dell'odore del vomito e sei seriamente preoccupato di catturare qualunque cosa il ragazzo abbia catturato, o qualcuno sta facendo sesso con qualcuno sopra di te, o ti ritrovi incredibilmente malato durante un viaggio di 12 ore in autobus attraverso terreni sinuosi e montuosi con un gruppo di gente del posto che parla una lingua asiatica che non capisci.

Possono esserci sentimenti ed esperienze idilliache durante lo zaino in spalla, sì, ma come tutti i cliché e le nozioni romantiche del mondo, la realtà della situazione è molto più complessa.

Questo pezzo è stato originariamente pubblicato su Thought Catalog. Seguiteli su Facebook.


Guarda il video: Australia East Coast: Travel Guide- Activities, Hostels u0026 Backpacker Destinations