Suggerimento per la fotografia di viaggio: comprendere l'ISO

Suggerimento per la fotografia di viaggio: comprendere l'ISO

L'ISO rimane un po 'un mistero per molti fotografi. La maggior parte non sa nemmeno cosa significhi e molti hanno solo una comprensione umile di ciò che effettivamente fa.

ISO sta per International Standards Organization. Questo non aiuta molto. È stato introdotto alcuni decenni fa per standardizzare le pellicole per le fotocamere. Mentre diverse aziende producevano varie qualità e tipi di pellicola, l'ISO standardizzava la sensibilità della pellicola alla luce su tutta la linea in modo che i fotografi potessero ottenere impostazioni accurate, il che contava molto quando uno scatto sprecato costava soldi veri.

Questo tizio era seduto all'ombra sulla sua veranda - giustamente, era una giornata estremamente calda. Ma significava che era un po 'troppo buio per me per scattare a mano libera. Questa immagine è stata scattata con ISO 500, permettendomi di aumentare la velocità dell'otturatore e anche di aprire un po 'le ombre. Foto: Kate Siobhan Havercroft

Quindi, mentre in questi giorni puoi scorrere da ISO 100 a ISO 3800 e viceversa come preferisci, con la pellicola, una volta che quel rullino di ISO 400 è nella fotocamera, lo stai usando fino al 24 ° (o 36 °) clic.

Ma con le reflex digitali hai un gran numero di numeri che ti fissano quando apri le tue opzioni ISO, a partire di solito da ISO 100 (anche se alcune fotocamere hanno ISO 50) e arrivando fino a ISO 12000 (di più con fotocamere full frame / di livello professionale ). Solo cinque anni fa, l'ISO 800 era considerato aggressivo. Oggi, la 5d Mark III di Canon può ottenere ottimi risultati a ISO 6400 e persino "espandersi" per raggiungere ISO 25000. Quindi cosa sceglierai? E perché?

Che cos'è?

La linea di fondo con ISO è questa: ogni volta che raddoppi il tuo ISO (ad esempio, da 100 a 200 o da 800 a 1600) la tua fotocamera richiede metà della luce per un'esposizione corretta. Leggi: puoi raddoppiare la velocità dell'otturatore o l'apertura. (Recensione: Capire il triangolo di esposizione)

Questo perché maggiore è l'ISO, più sensibile è il sensore alla luce che lo colpisce, il che significa che richiede meno luce per essere esposto correttamente. Immagina un ISO basso come qualcuno con un'elevata tolleranza al sole: raramente bruceranno. Un ISO elevato è come la pelle di porcellana in una giornata calda: brucia quasi istantaneamente. Questo è ciò che intendiamo per "più sensibile".

Lasciando ISO su Auto ti assicurerai di non capire mai come usarlo correttamente.

Perché non lasciarlo alto tutto il tempo? Non ti permetterebbe di avere sempre la massima velocità dell'otturatore? Ecco la considerazione: la sensibilità alla luce introduce il "rumore". Il rumore è anche un termine dei giorni del cinema e significa grana nell'immagine. Maggiore è l'ISO, maggiore è la sensibilità, maggiore sarà la grana visibile, soprattutto nelle ombre.

Questo può essere il punto in cui i principianti alzano le mani in segno di sconfitta. Non sembra lo strumento più utile nella scatola della fotocamera quando lo scomponi in quel modo. Ma comprenderlo ulteriormente dimostrerà il contrario.

Quando tenere gli ISO bassi

La risposta è: tutto il tempo. Nel complesso, ISO 100 dovrebbe probabilmente diventare la tua impostazione permanente. Puoi scegliere di regolarlo quando necessario, ma lasciare ISO su Auto ti assicurerà di non capire mai come usarlo correttamente. ISO 100 rende il tuo sensore il meno sensibile, il che significa meno rumore.

Nelle giornate soleggiate e nuvolose avrai comunque velocità dell'otturatore elevate, quindi anche con ISO 100 puoi sparare a mano libera. In giornate ombreggiate o più buie, potresti guardare a ISO 200 o 400 per aiutarti a mantenere una buona velocità e ottenere anche alcuni dettagli in ombra.

Al tramonto, all'alba o in altri momenti della giornata con poca luce, potresti essere tentato di aumentare l'ISO, ma ci sono molte ragioni per mantenerlo basso. Ad esempio, potresti rinunciare al rischio di rumore e rompere il treppiede per ottenere una lunga velocità dell'otturatore. Il basso ISO garantirà basso rumore e alta qualità. È anche particolarmente bello se c'è uno specchio d'acqua nell'inquadratura: apparirà regolare e sereno se la velocità dell'otturatore è lunga (se aumenti l'ISO, potresti dover aumentare la velocità dell'otturatore per compensare, perdendo l'effetto levigante).

Questa stessa idea si applica ogni volta che si desidera che una velocità dell'otturatore lunga implichi il movimento: le strisce di luci di un'auto lungo una strada, una cascata che si schianta sulle rocce o il light painting con una torcia elettrica, per esempio.

Quando alzare gli ISO

Non dovresti mai scattare a meno di 1 / (la lunghezza dell'obiettivo).

Vuoi utilizzare la tua ISO quando la velocità dell'otturatore non è abbastanza veloce. (Nota: chiediti prima se puoi allargare l'apertura invece di aumentare l'ISO.) Ecco alcune situazioni in cui dovrai manipolare la tua ISO:

  • Azione di congelamento: Ad esempio, per congelare un surfista che si abbatte su un'onda, per vedere le goccioline in uno spruzzo d'acqua o per catturare qualsiasi altro momento di una frazione di secondo. Per congelare quel soggetto, è necessaria una velocità molto elevata e l'aumento dell'ISO ti consentirà di massimizzare la velocità dell'otturatore. Ricorda, ogni volta che raddoppi i tuoi ISO, puoi raddoppiare la velocità dell'otturatore.
  • Preso da una barca. Avevo bisogno di una velocità dell'otturatore molto elevata non solo per congelare un animale selvatico, ma anche per compensare l'oscillazione. ISO 2000 era la risposta; il rumore è minimo visto che era di giorno, e perchè è stata scattata su una Canon 7D, che ha una discreta riduzione del rumore. Foto: Kate Siobhan Havercroft

  • Riprese a mano libera in condizioni di scarsa illuminazione: Non dovresti mai scattare a meno di 1 / (la lunghezza dell'obiettivo). Quindi, se stai scattando con un 50 mm di prima qualità, non scattare mai sotto 1/50 o rischiare il movimento della fotocamera (sfocatura). Se utilizzi uno zoom, diciamo 70-300 mm, all'estremità lunga, non dovresti andare sotto 1/300 e così via. Se noti che non puoi mantenerlo al di sopra di quella regola, è il momento di aumentare l'ISO.
  • Riprese all'interno di notte o al buio (eventi, concerti, all'interno di una chiesa buia): Anche con un treppiede per eliminare il rischio di vibrazioni della fotocamera, potrebbe essere ancora troppo debole per congelare l'azione (a meno che non si desideri il movimento della stanza apposta). Probabilmente dovrai introdurre ISO più alti per aumentare la velocità dell'otturatore abbastanza da congelare l'azione.
  • Fotografia astronomica: Potrebbe essere necessario un ISO elevato per attirare la luce delle stelle (dipende da quanto tempo puoi impostare la velocità dell'otturatore, e questa è tutta un'altra partita).
  • Ottenere più dettagli da una scena scarsamente illuminata: Un ISO medio-alto può aiutarti a estrarre i dettagli dalle ombre, specialmente quando scatti in RAW.
La riduzione del rumore sta migliorando con la tecnologia

Ogni volta che Canon o Nikon rilascia un nuovo modello, puoi scommettere che la riduzione del rumore è solo migliorata. Questo viene applicato nella fotocamera, principalmente, e compensa gli ISO elevati, a volte in modo sorprendente. Ad esempio, la 5d Mark III è in grado di supportare ISO 6400 o 8000 con un rumore estremamente ridotto. Tuttavia, se stai scattando con una vecchia Canon Rebel XT o XSI, o anche con un T2i, le riprese a ISO 6400 potrebbero essere a malapena utilizzabili.

Quindi questo è un momento in cui gli attrezzi contano davvero. Se hai una fotocamera più vecchia, devi stare attento ad aumentare troppo il tuo ISO, a meno che, ovviamente, non ti interessi (immagini personali, per divertimento, per stile artistico, ecc.).

Riduzione del rumore in post-produzione

Se hai bisogno di aumentare il tuo ISO per ottenere lo scatto e puoi vedere il rumore, ci sono programmi all'interno di Lightroom e Photoshop che ti aiutano a correggerlo. Tieni presente, tuttavia, che troppo "levigare" e l'immagine apparirà sfocata, non nitida o altrimenti ovviamente modificata.

C'è sempre la possibilità di lasciare il rumore come scelta artistica (e in effetti a volte lo è). Può sembrare bello in bianco e nero, ma di solito solo se è fatto apposta. Altrimenti, lascia le immagini sgranate a Instagram.

Un grafico per la selezione di ISO

Provate voi stessi

Riprendi la stessa scena con varie impostazioni ISO. Il rumore è più evidente in situazioni di scarsa illuminazione, quindi prova a scattare all'interno o al buio. Guarda le tue impostazioni cambiare man mano che aumenti la tua ISO. Successivamente, confronta i livelli di rumore in ciascuna immagine, fianco a fianco.

* Con docenti esperti, un solido curriculum e una comunità attiva e in rete di colleghi fotografi, il programma MatadorU Travel Photography ti insegnerà come diventare un fotografo di viaggio.


Guarda il video: Fondere più Fotografie di Paesaggio in Photoshop