Il giornalista Adam Skolnick sulla scrittura di viaggi e sui diritti umani in Myanmar

Il giornalista Adam Skolnick sulla scrittura di viaggi e sui diritti umani in Myanmar


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ho incontrato Adam Skolnick nel 2006 su un motoscafo nel Mare delle Andamane al largo della costa della Thailandia.

STAVAMO ENTRAMBI SCRIVENDO dei Moken Sea Gypsies, un gruppo romantico di gente di mare che lottava con tutto ciò che arrivava dall'esterno: Cheetos, AIDS, ramen confezionato, Coca-Cola, pregiudizi, obesità.

Adam è autore o coautore di 16 guide turistiche Lonely Planet, e ha recentemente pubblicato un pezzo sui Free Burma Rangers - The Jesus-Kissed, War-Fringed, Love-Swirled Rangers - in Rivista esterna. La lettura del suo pezzo mi ha fatto pensare al mese che ho trascorso in Myanmar nel 2006 e alla storica visita di Obama nel Paese questo mese. Mi chiedevo cosa fosse cambiato e cosa no, così ho parlato con Adam del suo rapporto sulla situazione dei diritti umani in quel paese.

AD: Prima c'è la controversia sul nome Birmania / Myanmar, uno dei tanti dibattiti che coinvolgono il paese. Ci sono stato nel 2006 e non ho mai ricevuto simili critiche per aver visitato un paese. I viaggiatori altrove direbbero: "Non posso credere che tu sostieni le dittature" o "Non andrei mai in un paese che viola i diritti umani dei suoi cittadini". Non sono riuscito a far loro capire che il volontariato in una scuola a Yangon, andare in bicicletta attraverso Bagan e mangiare curry di pesce con la gente del posto ha creato il tipo di relazioni personali che credevo facessero parte sia del fomentare il cambiamento che dei diritti umani.

La gente ti ha dato l'inferno per essere andato lì?

COME: Ebbene, per questa storia mi sono intrufolato illegalmente oltre il confine thailandese e sono entrato in una parte della Birmania che è vietata ai turisti per documentare gli abusi. Ho fatto la stessa cosa per il mio 2008 Salute dell'uomo storia. Ma anch'io ho visitato la Birmania vera e propria, so esattamente di cosa stai parlando e personalmente non ho problemi con i viaggiatori che vivono il posto. E non l'ho mai fatto. È magnifico e dovrebbe essere sperimentato.

Penso che una cosa buona del flak sia che significa che c'è molta consapevolezza nel mondo. D'altra parte, sei abbastanza informato e fai parte di circoli accademici, quindi sarai circondato da persone che sono più informate e sanno queste cose. Non credo che incontreresti lo stesso livello di reazione nel resto del mondo.

Quando ho visitato la Birmania per la prima volta nel 2005, sono stato invitato a un viaggio stampa da una compagnia di viaggi avventurosi e non ho mai messo in dubbio l'invito. Non mi sento nello stesso modo in cui sentono alcune di queste persone, che non dovresti andare in questi posti. A volte era inquietante. Ad un certo punto siamo stati seguiti nella Pagoda di Shwedagon. È stato molto più un periodo di diffidenza lì, Internet era altamente censurato, la polizia segreta era ovunque e c'era ancora un appassionato atteggiamento `` Non andare lì '' tra i progressisti informati, perché Aung San Suu Kyi stava sostenendo un boicottaggio dei viaggi . Per me, questo ha reso più interessante essere lì.

Le sanzioni sono una questione discutibile, e questo è ciò che è, una sanzione di viaggio. Non credo che le sanzioni funzionino sempre. Non li vedo lavorare in Iran. Non credo che abbiano mai lavorato in Myanmar. Non è questo il motivo per cui sono avvenute queste riforme. Non è stato a causa delle sanzioni. Non credo molto nell'aspetto delle sanzioni. Tuttavia, non credo ancora a queste riforme. C'è molto su di loro che deve ancora essere determinato. L'esercito ha ancora il controllo del governo. C'è ancora un veto militare scritto in una costituzione che è stata creata dalla giunta in una farsa di una convenzione costituzionale. Non hanno permesso a voci dissenzienti, come Suu Kyi e la Lega nazionale per la democrazia (NLD) di influenzarlo. E le forze governative sono ancora in guerra nelle province etniche.

Ora, ci sono alcune cose che sono successe che sono abbastanza buone - la trasparenza nei media, il rilascio di molti prigionieri politici, Suu Kyi in parlamento - tutte queste cose sono positive. Ma ci sono molti grandi passi da compiere e non è ancora finita. È un po 'interessante vedere l'amministrazione Obama accettare queste riforme così rapidamente. Sembra una presa di denaro.

La Cina ha già praticamente preso l'intera torta.

Bene, sono lì da molto tempo ed è interessante che questo sia accaduto ora. Non so esattamente perché sia ​​successo. Non lo saprai mai. Ad un certo punto queste persone fanno abbastanza soldi e se ne vanno. Questi dittatori non hanno bisogno di restare. Hanno fatto i soldi. Hanno preso i loro soldi. Forse Thein Sein ha una buona motivazione. È possibile, ma per molti anni è stato generale della giunta e non è ancora finita. Questo è il punto che sta facendo il leader dei Free Burma Rangers: fino a quando non ci saranno libertà e autonomia nelle province etniche e una sorta di repubblica dove c'è autodeterminazione completamente senza il coinvolgimento dei militari, non hai davvero una democrazia, quindi non sai cosa hai.

Cosa hai osservato in termini di processo di pace mentre eri lì?

Quando ero lì, la cosa interessante è che stavano iniziando a parlare di questo processo di pace che ha finito per evolversi e realmente accadere. Quel cessate il fuoco è in realtà solo un cessate il fuoco. Non è una tregua. Ci sono altre cose che devono accadere affinché i Karen siano in tregua con il governo del Myanmar. Lo stesso vale per lo stato Shan. Nello stato Shan ci sono ancora sporadici casi di combattimenti, e nello stato Karen c'è ancora un accumulo militare, e nello stato Kachin c'è ancora una guerra totale. La cosa da ricordare sarebbe che davvero fino a quando non ci sarà una tregua con tutti i gruppi etnici e una repubblica in cui abbiano autonomia e autodeterminazione all'interno dei loro stati, è improbabile che ci sarà una pace estesa e una vera democrazia.

Quello che sta succedendo ora è in realtà solo una presa di denaro per estendere la nostra influenza e competere nel cortile della Cina, e quando leggi di un incontro del presidente progressista con Thein Sein, è facile dimenticare che il paese non è ancora libero. Dobbiamo ricordarlo. Ma questo non significa che non ci vada.

Un discreto numero di persone è inorridito dal lavoro dei Free Burma Rangers, sia perché i fondatori sono cristiani e coinvolti nel proselitismo, sia perché è gestito da denaro e leadership stranieri. Qual è stata la tua esperienza quando sei rimasto con loro?

Il leader si definirebbe solo un cristiano, ma è un cristiano evangelico. Battezza le persone nei fiumi e tutto il resto. Non fa proselitismo nel senso che nel suo campo si tratta davvero di diventare un Ranger. Non si tratta di diventare un cristiano. Ha buddisti, musulmani, animisti e io li ho incontrati, e nessuno di loro si preoccupa della sua religione.

Ma sai com'è in questi paesi. Come in Indonesia, dove la tua religione è stampata sulla patente di guida, o Myanmar - la maggior parte delle persone ama davvero la religione, quindi per loro non è un grosso problema. Per loro, la religione è una cosa molto importante. Ci sono alcuni Rangers che sono scettici su di lui, ma sono davvero pochissimi. La maggior parte dice: "Beh, ehi, è una religione. Che importa? Questo ragazzo sta combattendo per noi e con noi ". Quindi non li infastidisce affatto, anche quando solleva Gesù. Prega spesso nelle riunioni, ma non cerca di reclutare attivamente cristiani. Se un Ranger viene da lui e dice: "Mi piacerebbe essere cristiano" o "Mi battezzerai?" allora lo farà. Ecco come funziona. Gli sono stato intorno due volte in diversi campi e non l'ho visto fare proselitismo.

Dove ottengono i finanziamenti i Free Burma Rangers?

Quello che direbbe è che i soldi provengono da persone che donano spontaneamente, che non raccoglie fondi. Ma il fatto è che va a parlare nelle chiese in America, e raccoglie soldi in quel modo. Ricevono anche i soldi della fondazione. Il loro programma medico è abbastanza buono. Hanno ricevuto un po 'di assistenza dal governo internazionale. Hanno ricevuto aiuto da una grande organizzazione chiamata Partners, che è una delle principali organizzazioni umanitarie cristiane.

C'è qualche progresso di cui parlano i Free Burma Rangers in termini di ciò che hanno fatto?

I Free Burma Rangers sono davvero l'unica organizzazione umanitaria che porta l'assistenza sanitaria e l'istruzione in prima linea in questi conflitti. Lavorano attivamente con i ribelli per evacuare gli abitanti dei villaggi e portare assistenza sanitaria alle famiglie in fuga. In aggiunta a ciò, Human Rights Watch e molte altre ONG e governi ottengono molti dei loro dati sul conflitto e sulle violazioni dei diritti umani dai Free Burma Rangers. Non tengono traccia delle violazioni dei diritti umani da parte dei ribelli, ma se stai cercando prove e dati affidabili sulle violazioni dei diritti umani da parte del governo, che è la parte del leone di questi abusi, sono i migliori. Nessuno lo fa meglio di loro e pubblicano i loro rapporti sul loro sito web.

Ora che Obama è andato in Myanmar, c'è un intero dibattito sul fatto che avrebbe dovuto o meno.

Quello che dicono di lui è che non avrebbe dovuto andarci perché sta legittimando un governo che non è veramente legittimo. In questo senso sono d'accordo. È un po 'prematuro per lui esserci andato. Il segretario di Stato era proprio lì. Clinton era lì nel dicembre dello scorso anno. Clinton dovrebbe andarci di nuovo. Non avevamo bisogno di lui lì. Penso che l'unico motivo per cui è andato sia stato per competere in questa cosa della Cina. C'è il pericolo di legittimare un governo che non è ancora legittimo.

    Skolnick sta attualmente lavorando a un progetto per Lonely Planet. Puoi seguire i suoi progressi su adamskolnick.com e su Twitter @adamskolnick.

Guarda il video: Bielorussia, Tikhanovskay ai leader Ue: non riconoscete il voto