Mustang, il "Regno perduto del Tibet" [foto]

Mustang, il

Il fotoreporter Darren Ornitz ha viaggiato lo scorso anno a Mustang, in Nepal, noto come il "Regno perduto del Tibet".

SITUATO ALL'INTERNO della catena montuosa più alta del mondo e appena a sud della regione autonoma del Tibet, il Mustang è uno degli ultimi luoghi al mondo in cui la cultura tradizionale tibetana rimane intatta. Tuttavia, a causa della presenza sempre crescente della Cina nella regione e della costruzione di una strada che collega il Lower Mustang alla città murata di Lo Manthang, vicino al confine tibetano, questo status è minacciato. Sembra che ci siano sentimenti contrastanti tra gli abitanti di Mustang. Alcuni accolgono con favore la strada, poiché consente l'afflusso di merci più economiche, ma molti temono l'erosione degli stili di vita tradizionali.

Coloro che cercano un'avventura e una rara esperienza interculturale possono pagare la pesante tassa di permesso di $ 500 a persona e assumere una guida per fare trekking negli antichi villaggi di Mustang, a cavallo oa piedi.

1

Volare in

Come la maggior parte degli escursionisti Mustang, ho iniziato il mio viaggio con un volo di 20 minuti dalla città di Pokhara alla città Lower Mustang di Jomsom, che funge da punto di ingresso per i visitatori. Dopo un ritardo di alcune ore, siamo stati portati di corsa sulla pista e sull'aereo per decollare prima che i venti forti tornassero. I voli vengono spesso cancellati, a volte per giorni, a causa del vento e della scarsa visibilità. Emergere dalle nuvole poco dopo il decollo verso il cielo azzurro e le montagne più alte del mondo è sia umiliante che esilarante.

2

Stupa solitario

In questa foto, uno stupa può essere visto lungo una strada che scorre in profondità nel Mustang, le montagne himalayane che si profilano sullo sfondo. Probabilmente uno dei panorami più maestosi che sono riuscito a catturare dall'intero trekking. È uno dei pochi posti rimasti sulla Terra in cui ti senti davvero come se fossi nel mezzo del nulla. Perchè tu sei.

3

Costruzione di strade

Ho scattato questa fotografia di alcuni ragazzi che ho incontrato che stavano lavorando sulla strada che collegherà il Lower Mustang fino alla Cina attraverso l'Upper Mustang. Molte delle persone anziane con cui ho parlato sembravano molto preoccupate per la strada e l'accesso che consentirà alla modernità di scorrere attraverso Mustang. La generazione più giovane, però, era presa tra i desideri di far parte del mondo in via di modernizzazione e di preservare le loro tradizioni tibetane.

4

Trasporto locale

Abbiamo incrociato molte persone del posto sui pony, il che mi ha fatto pensare a tutte le persone che hanno cavalcato tra queste montagne per migliaia di anni. I pony avevano le campane in modo da poterli sentire avvicinarsi. Per questa fotografia in particolare, ho visto un'opportunità perfetta per inquadrare i motociclisti mentre si avvicinavano a una curva del sentiero con le montagne dell'Himalaya sullo sfondo.

5

Grotta di Guru Rinpoche

In qualità di meditatore, è stata un'opportunità davvero speciale per me visitare la grotta di Guru Rinpoche, che è stato un viaggio di pochi giorni dall'inizio del viaggio in profondità nelle montagne e lontano da qualsiasi villaggio. Si dice che Guru Rinpoche, il "Lotus Born", abbia trascorso tre anni in ritiro privato qui durante il suo viaggio dall'India per introdurre il buddismo in Tibet, Bhutan e altri paesi vicini nell'VIII secolo d.C. Il custode, visto in questa fotografia, non poteva affatto comunicare con me, ma aveva un senso opprimente di purezza, calma e gentilezza. Forse non vedeva nessuno da mesi.

6

Perline di mala

Mentre ero alla grotta di Guru Rinpoche, ho dato al custode alcune perle di mala che avevo, per le quali lui era estremamente riconoscente. Era anche molto felice di posare per alcuni ritratti. Questo è uno dei miei scatti preferiti, il blu intenso che contrasta con le sue mani consumate e gessose.

7

Syangboche

Una madre e sua figlia posano all'interno della loro casa (che è anche locanda e ristorante) nel villaggio di Syangboche. Il cibo lungo il trekking di solito includeva piatti come riso fritto, noodles, pancake, uova e, naturalmente, il piatto locale più popolare dhal bhat tarkari, che consiste in riso, verdure al curry e zuppa di lenticchie.

8

In elevazione

Dopo aver camminato per quasi 20 km su un terreno ripido, Syangboche era uno spettacolo molto gradito. Ho già sperimentato escursioni in alta quota quando ho scalato il Kilimangiaro, ma a Mustang, con altitudini che raggiungono i 15.000 piedi, è stata sicuramente un'esperienza nuova e stimolante. Spesso dovevo fermarmi per riprendere fiato lungo il sentiero.

9

Gemelli

In tutti i miei viaggi, una consistenza che mi piace sono i bambini e la loro disponibilità a interagire con la mia macchina fotografica. Questi gemelli erano particolarmente curiosi e continuavano a chiedermi di fotografarli sempre di più. Le loro guance rosse e bruciate dal vento erano un segno delle condizioni che sopportano vivendo sull'Himalaya.

10

A pascoli più verdi

Mi sono imbattuto in questo pastore appena fuori dal villaggio di Ghiling. Molto probabilmente stava andando in montagna per giorni o forse settimane per pascolare le sue capre. Non mi prestava molta attenzione e di certo non gli importava che lo fotografassi.

11

Monastero di Choling

Entrando nel monastero di Choling, ho notato questa forma di cuore proiettata sul muro dalla luce che filtrava.

12

Yam bhadur

Forse la cosa più notevole che ho visto durante l'intero trekking è stata la capacità delle persone di coltivare cibo in condizioni estremamente aride. Mustang non riceve le piogge monsoniche indiane come la maggior parte del Nepal, quindi le persone hanno progettato una rete di canali di irrigazione che raccolgono l'acqua dalla neve che si scioglie sulle montagne. Quest'uomo ha appena scelto yam bhadur, un ortaggio comunemente coltivato nel Mustang, e lo stava preparando per la vendita. Due sterline si vendono per circa 50 centesimi.

13

Antiche grotte rocciose

Centinaia di grotte come queste si trovano nella regione, costruite migliaia di anni fa. In questa particolare fotografia, le grotte sono facilmente accessibili, ma molte si trovano a metà di alte scogliere. Ho pensato agli yogi erranti che hanno fatto la loro casa per anni dentro e mi sono chiesto come sono riusciti a scendere dalle scogliere e dentro di loro. Di recente, i ricercatori sono entrati per scavare alcune delle alte grotte e sono stati trovati molti antichi manufatti ben conservati.

14

Divertimento

Ho incontrato Sangpo Gurung (grado 7) e il suo amico Binod Tamang (grado 10) alla scuola del monastero di Nyiphuk Namdrol Norbuling. Molti monaci hanno lasciato il Mustang per vivere una vita più moderna e, secondo la loro percezione, favorevole in posti come Kathmandu. Entrambi i ragazzi sono stati molto accoglienti nonostante fossero immersi in un vecchio film tibetano che stavano guardando sulla loro TV statica.

15

Preghiera

Ho passato molto tempo a passeggiare per le strade di Lo Manthang ed era molto chiaro quanto le persone fossero devote alla loro pratica buddista. Fotografare è stato difficile a Lo Manthang, poiché la maggior parte delle persone non voleva che le loro foto fossero scattate, cosa che ovviamente ho rispettato. Nel tardo pomeriggio, mentre tornavo alla locanda per la cena, ho catturato questa foto di una donna che prega.

16

Dopo il monastero

Nel mio ultimo giorno a Lo Manthang, un gruppo di donne uscì insieme da un monastero e io mi precipitai a mettermi di fronte a loro per fare una foto di gruppo. Molti di loro possono essere visti mentre tengono i loro mala per recitare mantra.

17

Cielo notturno

La mia ultima notte a Lo Manthang, sono salito sul tetto della locanda in cui stavamo. Quando ho guardato in alto, questo è quello che ho visto. Ho visto cieli illuminati da migliaia di stelle in posti come la Groenlandia e il Canada settentrionale, ma il cielo non è mai stato così impressionante come lo era qui. Ho passato circa un'ora a scattare lunghe esposizioni con un treppiede.

18

Problemi di capra

Questo ragazzo, con la sua giacca di lana consumata e le tende nere, era uno spettacolo. Aveva problemi a portare le sue capre al pascolo. Durante un tentativo, tutti gli corsero intorno e finirono con le spalle al muro in questo percorso. Con l'aiuto di poche altre persone, riuscì a farli entrare tutti. Le strade di Lo Manthang erano sempre piene di capre e pony di passaggio.

19

Monaco

Kunga Sangpo, il monaco del monastero di Choling, è stato così gentile da farmi entrare nel suo spazio di pratica. Era molto ansioso di scambiare e-mail con me e ha chiesto di incontrarmi a Kathmandu tra un paio di settimane. La maggior parte delle persone a Mustang se ne va durante i rigidi mesi invernali e vive in altre città del Nepal.

20

Verso il Tibet

Dopo tutto il trekking a piedi, sono stato finalmente in grado di esplorare in pony in una giornata di riposo che avevo a Lo Manthang. Ho portato il pony a nord e in questa foto puoi vedere un locale che indica il confine con il Tibet. Sfortunatamente non sono riuscito ad arrivare al confine, ma mi è stato detto che è sorvegliato da una base militare cinese.

Cosa ne pensi di questa storia?


Guarda il video: Mustang - Journey of Transformation