3 espressioni spagnole che semplicemente non si traducono in inglese

3 espressioni spagnole che semplicemente non si traducono in inglese


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ci sono alcuni sentimenti molto meglio catturati da parole che non esistono nella lingua inglese. Schadenfreude, un termine tedesco per indicare il piacere provato dalla sfortuna di qualcun altro, potrebbe essere il più noto di questi. Ci sono tutti i tipi di elenchi che compilano tali parole e frasi, anche qui a Matador.

I miei Couch-host a Istanbul mi hanno insegnato un meraviglioso esempio di questo; l'intero principio della "separazione tra Chiesa e Stato" è impartito in turco dalla parola laiklik. È ovviamente molto più elegante ed efficace nella loro lingua. Ma non parlo turco o nessuna delle lingue menzionate nella maggior parte di questi elenchi: per quanto sia divertente ascoltare queste parole, non posso davvero apprezzare come si adattano alla loro lingua senza una conoscenza di base.

Parlo spagnolo, però, e mi sono imbattuto in alcune parole e convenzioni che soddisfano i loro ruoli molto meglio delle loro controparti inglesi. Li apprezzo ancora di più, dato che li ho scoperti io stesso. A volte li faccio scivolare accidentalmente in una conversazione con amici di lingua inglese, solo perché stanno molto meglio.

Aprovechar

Aprovechar è un verbo solitamente tradotto come "trarre vantaggio". Questo da solo lo rende migliore: lo spagnolo realizza in una parola ciò che richiede quattro inglesi. Ma è molto di più. Porta anche i significati "sfruttare", "imbrigliare", "vantaggio" e "cogliere". Per me è tutto il sentimento espresso in "Carpe Diem" racchiuso in un verbo normale che puoi usare nelle situazioni quotidiane.

Quando tu aprovechar qualcosa, non lo sfrutti al massimo - prendi ogni secondo come se fosse l'ultimo, lo afferri per le corna e lo fai lottare a terra, lo lasci senza rimpianti di sorta. È molto più potente e ha anche una deliziosa sequenza di movimenti delle labbra mentre ti sposti dal PR al V al CH.

Anche a chi parla spagnolo piace dire aproveche piuttosto simile bon appetito prima di un pasto, che aumenta solo la sua potenza. Potresti aver "apprezzato" i tuoi pasti, ma ne hai mai "approfittato"? Conferisce un nuovo livello di piacere e mi fa sempre masticare con più gusto. I miei compagni di appartamento catalani lo usavano per prendere in giro le mie cene di pasta di dimensioni americane che erano così grandi che dovevo usare la pentola più grande del nostro appartamento come ciotola. Riderei e procederei a divorare l'intera cosa senza fallo, il che li ha solo uova di più: Sicuramente avevo fatto il massimo della mia pasta.

Tener ganas

Un'altra frase più potente in spagnolo è tener ganas, che quando viene collegato al traduttore risulta semplicemente "volere". Ancora una volta, è molto di più. Tener è "avere" - tener ganas è più simile a "avere il desiderio di", che è molto più ingombrante e meno soddisfacente.

L'inglese si avvicina un po 'di più al giusto sentimento con la frase "Devi volerlo", che è un bel succinto Fieno que tener ganas en español. Ogni volta che sento questo, mi immagino sempre un vecchio e vigoroso latino che scuote il braccio destro di fronte a lui con le dita semichiuse in un artiglio di rimprovero di avvertimento.

È una buona saggezza con tutto ciò che fai nella vita. Devi volerlo, altrimenti perché lo fai? Lo stesso gesto della mano è spesso usato per accompagnare la parola cojones, il che significa che la frase è associata per sempre ai testicoli, il che non fa che migliorare la narrazione, poiché ora devi avere le palle per fare qualunque cosa tu stia facendo.

io userei ganas per spiegare ai miei padroni di casa spagnoli durante il viaggio perché ho potuto vivere così tante delle loro città in così poco tempo, dato che invariabilmente vedevo cose che non erano nemmeno riusciti a visitare. Era la parola perfetta per racchiudere la forza della volontà di un viaggiatore di sfruttare al massimo il proprio tempo limitato in un nuovo posto - con ganas, puoi fare molto di più.

El de la vergüenza

Mentre ero a Barcellona, ​​ho convinto uno dei miei amici catalani ad ospitarmi nella casa dei suoi genitori mentre cercavo un appartamento. Non sapevo che l'unica notte in cui avevo bisogno di un letto era il giorno in cui tutta la sua famiglia allargata era venuta a cena.

Ero già imbarazzato dal fatto che la mia presenza li costringesse a parlare castellano (Spagnolo) piuttosto che catalano, ma quella sera fui presentato a una situazione cena ancora più imbarazzante. Noi anglofoni conosciamo quel momento difficile in cui è rimasto solo un pezzo di cibo gustoso al centro del tavolo e tutti si siedono cercando di capire come afferrarlo senza sembrare egoisti.

Eppure non abbiamo una parola speciale per quel boccone speciale come fanno gli spagnoli - lo è el de la vergüenza (il pezzo di vergogna), un nome così potente che mi fa temere che la mia linea sarà svergognata per le generazioni a venire se avrò il coraggio di prenderlo.

Inutile dire che ero pietrificato per accaparrarsi l'ultimo dei gustosi turrónes (confezioni a base di mandorle) che abbiamo sgranocchiato dopo il piatto principale. I miei gentili ospiti finirono per gettarmelo in grembo, insieme a numerose grida di Aproveche! Diciamo solo che ho decisamente approfittato di quel particolare dolcetto.


Guarda il video: English Conversation Training Pronunciation Workout #3