Lasciare gli Stati Uniti è il modo migliore per apprezzarlo

Lasciare gli Stati Uniti è il modo migliore per apprezzarlo

A noi americani piace pensare di essere speciali. Lanciamo continuamente epiteti come "la terra delle opportunità" e "melting pot", ma è difficile apprezzare questi termini quando il "sogno americano" è tutto ciò che sappiamo. Per apprezzare veramente ciò che offre il tuo paese, devi lasciarlo. Al di fuori dei suoi confini puoi incontrare concittadini di tutti i ceti sociali molto più facilmente e sei esposto a innumerevoli esempi stranieri di ciò che il tuo paese non è. Per me, andare all'estero mi ha insegnato quanto siano veri quei cliché concisi e la posizione unica che gli Stati Uniti occupano nel mondo.

Lo ha fatto presentandomi a innumerevoli connazionali che non avrei mai incontrato altrimenti. Gli espatriati si ritrovano invariabilmente a incontrare i connazionali in ostelli, bar, autobus, non importa quanto si sforzino di "immergersi". La loro alterità condivisa rende più facile rimanere nella loro cultura che interfacciarsi con un altro. È un ostacolo per i viaggiatori che cercano di trovare la vera "esperienza locale", ma ti consente anche di entrare facilmente in contatto con altri viaggiatori. Ho incontrato molti, molti americani durante il mio periodo all'estero con i quali non avrei mai incrociato strade altrimenti.

Ho incontrato persone entusiasmanti del Kansas (non un ossimoro!), Italoamericani che avrebbero potuto essere direttamente dal set di Jersey Shore, bostoniani irlandesi lentigginosi, ragazze bionde e abbronzate della Florida, socialite nate e cresciute a New York, topi di LA Hood, preppy di WASPy East Coast e tutto il resto. Certo, ci sono molte persone del genere nelle rispettive città, ma è molto più difficile stabilire una connessione con estranei a casa. In America, essere americani non è un inizio di conversazione - altrove, potrebbe essere tutto ciò di cui hai bisogno per diventare migliori amici.

Il che è interessante, perché quel patrimonio nazionale condiviso non è così forte qui come nel continente. Un olandese può incontrare un olandese ovunque e commiserarsi per il suo cattivo tempo, i bosniaci possono parlare di montagne e sapere a quale vetta specifica si riferiscono, e gli islandesi possono quasi essere certi che condividono un amico comune con qualsiasi concittadino incontrato sulla strada.

Il "melting pot" d'America è una vera impresa, ma diventa impressionante solo se visto da lontano.

Nel frattempo, ho ben poco in comune con gli americani della costa orientale. Si lamentano del gelo mentre io gemo per un solo giorno di pioggia; professano il loro amore eterno per lo schawarma mentre io faccio lo stesso per i burritos. Possiamo trovare un terreno comune attraverso la politica, i film o lo sport, ma come compatrioti condividiamo poco più di un passaporto. Il Sud non è il New England, non è il Midwest, non sono le Montagne Rocciose, non è il Pacifico nord-occidentale, non è il sud-ovest. Ognuna di queste regioni ha la sua geografia, passatempi preferiti, detti locali - la sua cultura. Le torte di mele e gli hamburger da soli non ci legano insieme.

Tutti questi americani disparati giustapposti accanto alle popolazioni ampiamente omogenee dell'Europa hanno davvero guidato nella singolarità della "Terra delle opportunità" per me. Ad esempio, do per scontato il fatto che interagisco con persone di origini etniche molto diverse a casa. Non sarebbe un problema per me andare a cena fuori con un amico asiatico-americano, essere seduto da una hostess afro-americana, servito da un cameriere indiano-americano e mangiare cibo cucinato da uno chef messicano-americano. Sì, il personale di un ristorante del genere potrebbe essere un po 'esagerato, ma non è del tutto irrealistico.

Al contrario, la maggior parte degli stati europei in cui ho viaggiato sembrava avere una sola popolazione immigrata principale che svolgeva tutti i lavori di livello base (pakistani in Spagna, turchi in Germania, algerini a Parigi). Qualsiasi viaggiatore affamato in Europa sa che probabilmente cambierà valuta con una persona dall'aspetto "straniero" al chiosco di doner kebab a tarda notte, piuttosto che qualcuno con lo stesso colore della pelle dei politici locali.

Non sono solo io che l'ho notato. Il mio amico andaluso mi ha confidato un sentimento simile quando sono andato a trovarlo nella sua casa di Granada dopo il suo anno all'estero negli Stati Uniti. Mi ha detto di essere rimasto colpito da quanto siano ben integrati gli immigrati negli Stati Uniti e ha confessato di non interagire mai con persone "di colore" a casa se non dal lato opposto di un bancone. Ma ha fatto amicizia con tutti i tipi di colori della pelle mentre studiava negli Stati Uniti: semplicemente non era un grosso problema.

Il suo commento mi ha colpito come un esempio lampante di quanto lontano siano arrivati ​​gli Stati Uniti. I nostri rapporti razziali non sono neanche lontanamente perfetti, un punto portato a casa molte volte quest'anno. E per essere onesti, non ho mai fatto uno sforzo per parlare con i bambini asiatici che parlano la loro lingua al ristorante barbecue coreano nel mio campus universitario. Ma se ci incontrassimo durante le lezioni o un extracurriculare, non ci penserei due volte a intavolare una conversazione amichevole. Un fatto che, se contrapposto alle dinamiche razziali che ho osservato nei miei viaggi, è la testimonianza di qualcosa di speciale.

Il "melting pot" d'America è una vera impresa, ma diventa impressionante solo se visto da lontano. Per me, il mio tempo sulla strada ha segnato la prima volta che ho considerato seriamente quella frase e avevo qualcosa con cui confrontare le nostre relazioni razziali (o anche usare il termine "relazioni razziali" al di fuori della scuola). E mi ha portato dozzine di nuovi amici sparsi per il mio continente, il che è forse una circostanza ancora più felice dei miei nuovi amici di altri continenti, perché posso visitarli molto più facilmente.


Guarda il video: Mappa Mundi: Gli Stati Uniti e il grande gioco tra Ucraina, Europa, Russia e Cina