Il Sudafrica bianco è piccolo

Il Sudafrica bianco è piccolo

Devo emettere cattive vibrazioni, perché sono su un volo da Parigi a Durban pieno di bianchi sudafricani e ancora porta la donna seduta accanto a me cinque gin tonic prima che si senta abbastanza audace da parlarmi.

Quando il capitano annuncia la nostra discesa, lei è in pieno svolgimento. La sua nuova vita in Galles, suo figlio, la sua ragazza…. Le sue ciglia sono appesantite dal mascara che ha appena riapplicato, e mi ritrovo a imitare i suoi occhi spalancati mentre ascolto.

Non può raccontare la sua storia di vita alla coppia alla sua sinistra. Si scopre che sono gli amici perduti da tempo di suo padre. Lo sanno già.

"Che piccolo mondo, ehi?" dice, guardandosi intorno in cerca di chiunque sia disposto a sentire della riunione casuale.

, Penso, Bianco Sud Africa è piccolo.

Quando il nostro aereo atterra sull'asfalto dell'aeroporto internazionale King Shaka, le persone si sporgono dallo schienale delle sedie, discutendo di quali amici hanno in comune, dove passeranno il Natale e chi andrà al cui matrimonio.

Abbiamo tassato sul posto. L'aereo è fermo da almeno dieci minuti ormai. Schienali piegati e braccia tese sotto il peso delle nostre borse mentre aspettiamo che le porte si aprano. La nostra piccola comunità è diventata silenziosa. La coda non si sposta. Tutto quello che vogliamo è essere fuori in quell'aria umida di Durban.

Mi viene in mente perché tutte le chiacchiere amichevoli mi fanno venire la claustrofobia. È simpatico solo perché siamo uniti dal colore.

Proprio quando il nostro silenzio stanco diventa troppo da sopportare, la mia vicina di mascara si sporge in avanti verso l'uomo con cui stava chiacchierando prima e dice in un pastiche denso di un accento sudafricano nero: "Sembra che ci sia un problema con la porta".

Ridacchia e manda un'increspatura attraverso il gruppo di passeggeri che ha sentito. Tutto il calore defluisce. Occhi sorpresi e teste scosse. Le parole "nera incompetenza" vagano inespresse nell'aria, e mi viene in mente perché tutte le chiacchiere amichevoli mi fanno venire la claustrofobia. È simpatico solo perché siamo uniti dal colore. La porta sigillata della nostra comunità isolata è stata appena aperta e già il Sud Africa bianco si sta rannicchiando di fronte al Sud Africa nero.

* * *

Sono passate due settimane e ora sono in macchina che attraversa le verdi colline del Capo Orientale, dove pascolano i bovini Nguni e dove i temporali mangiano i fiumi e li rendono profondi e arrabbiati con l'erosione.

Oggi il nuovo Sudafrica è uno scintillante skyline di scaldabagni solari su una baraccopoli in una baraccopoli. Oggi, il nuovo Sudafrica è tutto incentrato sui lati positivi.

I Dorps scivolano via. Maclear, Ugie, Indwe e poi vedo un cimitero polveroso con alberi di gomma magri ed erba gialla. Tutte le lapidi in marmo sono messe in gabbia e lucchettate contro il furto. Passano davanti alla finestra e nessuno dice niente. Quella quieta visione di un riposo senza pace mi tira indietro dalla mia spensierata speranza e dice: "Questo nuovo Sudafrica è una bestia completamente nuova".

* * *

Il verde liscio dell'Eastern Cape si trasforma in polvere piatta. Nel Karoo, le spine lunghe un dito delle acacie morte sono sbiancate di bianco dal sole. Le scogliere rosse e arancioni di Meiringspoort si innalzano dal deserto in tempo per il pranzo. È come tessere i molari di un gigante. Devi tenere la testa bassa per vedere le vette cantare nella luce intensa.

Tutte le auto che hanno attraversato il paesaggio da sole sono state parcheggiate insieme in un hub concentrato sul letto del fiume.

"Dobbiamo semplicemente voltarci e andare avanti?" dice Ma.

La folla in posti bellissimi è il suo peggio, ma fa troppo caldo e tutti noi vogliamo nuotare nella cascata. Uno ad uno il tappo di persone gocciola in fila indiana, e noi ci arrampichiamo sulle rocce con infradito larghe e costume da bagno luminoso. Ci sono bianchi dal collo grosso e dal ventre peloso. Ci sono neri slinky, urbani, cool-cat. Ragazze indiane dal polso sottile e brulicanti famiglie di ragazzini color capo con orecchini d'oro e ginocchia scabby.

L'unica cosa che abbiamo tutti in comune è che siamo tutti abbastanza borghesi da essere in vacanza, e solo abbastanza borghesi abbastanza da non storcere il naso in un posto libero.

La cascata è un alto nastro di acqua bianca. Ha perforato una profonda pozza nera nella roccia sottostante. I bambini picchiettano nelle secche blu più in basso, ma la vera azione sta accadendo alle cascate principali.

Mi faccio strada tra la folla e cerco di ignorare l'odore di piscio proveniente dalle nicchie rocciose alla mia sinistra. Ci sono piccole sporgenze in alto sopra la piscina da cui puoi saltare. Il corpo rotondo di un uomo afrikaaner aspetta sopra di noi, i piedi sul bordo, impietrito di fronte con virilità. Un ronzio di chiacchiere esplode dietro di me quando un 20-qualcosa nero si separa dal suo gruppo e inizia a salire sulla scogliera. Sta scalando velocemente, come se andare più piano gli avrebbe dato il tempo di pensarci due volte. La sporgenza è piccola ei due corpi competono per lo spazio. Il giovane si toglie la maglietta, tira fuori il cellulare per un selfie veloce, si toglie il berretto e porge la pila ben piegata all'afrikaaner. Il suo nuovo iPhone corona il mucchio. In un luogo in cui le lapidi vengono rubate, questa è fiducia. Potrebbe anche essere comunità?

Il giovane dice una breve preghiera e si butta fuori dal ciglio.


Guarda il video: La storia damore tra Valentin e la sua leonessa. Lui gli salva la vita, lei lo abbraccia