Che succede a quel ragazzo irlandese solitario nel tuo ostello?

Che succede a quel ragazzo irlandese solitario nel tuo ostello?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Siamo tutti colpiti da stereotipi selvaggi. Generalizzazioni bombardate a tappeto nel corso della nostra vita che sanno di ignoranza spericolata e sbalorditiva. Ma in nessun momento viene segnalato e infiammato più di quando viaggiamo (tranne forse nelle zone di guerra).

L'ostello è il buco per bere nella landa selvaggia itinerante, il luogo di ritrovo per mammiferi di tutte le nazionalità. Gli eccitabili e dalle spalle larghe australiani e sudafricani completamente vestiti di colori nazionali, paralizzati dalla televisione obsoleta che oscilla sopra il bar in una culla metallica instabile, trasmettendo sport in diretta direttamente da fusi orari oscuri. Il contingente statunitense e olandese in lizza per il premio per la conversazione più rumorosa attorno a un podio di sgabelli. Gli inglesi nell'angolo allattano la pelle gravemente scottata dal sole bevendosi nelle braccia flosce della paralisi e chiedendo in prestito più aloe vera.

E poi c'è l'Irish Guy. Seduta. Perfettamente contento da solo, con un astratto romanzo di Philip K. Dick aperto sulla sua tavola, finché non diventa inevitabilmente il profeta delle risate in mezzo alla foschia ubriaca. Lo troverai circondato da alcuni fan che ha creato con il suo accento gioviale e il suo tempismo comico che ripete la storia della Pietra di Blarney con finto abbandono per la lampante ironia.

Ho un passaporto irlandese, ma il mio accento metà zimbabwe e metà inglese è il primo di molti ostacoli che mi impediscono di avvicinarmi a essere quel ragazzo. Gli altri includono una conoscenza quasi fanatica di fatti assurdi, come: la Terra ha due lune, una delle quali è chiamata Cruithne (che, secondo la conoscenza generale britannica, mostra Q.I., è vero). O quella capacità di entrare in interi ostelli con storie casuali che trasformano adulti completamente cresciuti in bambini malleabili e ubriachi nascosti con una favola della buonanotte che sono più che felici di ascoltare ogni notte.

Viaggiando da solo in Australia e in Sud America, ho incontrato tre esseri verdi così magnetici.

Uno dei miei antenati corrisponde alla descrizione: Buck Whaley. Il figlio di un uomo soprannominato "Burn-Down" Whaley, che, secondo le memorie stampate nello studio di mio nonno, era solito andare in giro per le chiese in fiamme a Dublino. Buck suona come il tipo di ragazzo che, se fosse vivo oggi, corteggerebbe i viaggiatori con sciocchezze linguistiche e si esibirebbe azzardi sensazionalmente stupidi. Nelle sue memorie si dice che sia riuscito in due cose ridicole legate al viaggio e all'alcol: saltare dal primo piano di un pub e atterrare su un cavallo in cambio di un drink, e camminare da Dublino a Gerusalemme (I conoscere).

Viaggiando da solo in Australia e in Sud America, ho incontrato tre esseri verdi così magnetici. Uno era un sosia di Frodo Baggins con un plotone di esecuzione di commenti arguti, una maglietta da calcio irlandese color kryptonite, un nome che giuro era Paddy e un cognome altrettanto stereotipato. La seconda era una giovane donna che viaggiava da sola su un autobus da Buenos Aires a Rio, e la terza era una giocatrice nazionale di rugby alla periferia della capitale brasiliana, che si è presa una pausa dopo un tour per viaggiare da sola, un nucleo dignitoso tra i viaggiatori sovraeccitati .

Gli irlandesi causano problemi con pochi politicamente e avere uno dei loro passaporti consente di viaggiare abbastanza agevolmente in tutto il mondo. Forse gli irlandesi hanno un approccio a binario unico di lunga data alla politica estera, vale a dire che tutti i suoi cittadini devono andare all'estero almeno una volta e battere la bandiera per l'isola di smeraldo, sganciare bombe della conoscenza su come è stata creata la Guinness, svegliarsi con un aspetto più vivace rispetto ad altri cittadini, hanno ritorni pre-programmati e superiori alle stronzate su patate e folletti che feriscono intellettualmente aspiranti burloni, rubano le tue donne / uomini e inspiegabilmente ti incantano a ridere con loro il giorno successivo.

Qualunque cosa sia, eccolo per il ragazzo irlandese: i tuoi risultati non sono passati inosservati. Sei un appuntamento fisso nel panorama dell'ostello e una tappa obbligata nell'itinerario di ogni viaggiatore.

Quando è stato il tuo ultimo avvistamento del ragazzo irlandese?


Guarda il video: Viaggio tra i senzatetto della capitale. Storie di solitudine, sofferenza, ma anche speranza