L'unica lingua che devi conoscere è l'inglese, davvero

L'unica lingua che devi conoscere è l'inglese, davvero

Al college, mi sono laureato in Antropologia linguistica. Parlo cinque lingue: inglese, spagnolo, francese, ceco e italiano. E ogni volta che viaggio, di solito mi impegno a imparare almeno alcune parole educate nella lingua del paese ospitante in cui mi trovo.

Tranne la Norvegia. Avevo programmato di imparare i miei "cinque fondamentali": ciao, arrivederci, per favore, grazie e parli inglese? - ma i giorni si accumulavano con il lavoro e il tempo libero che avevo prima del viaggio lo trascorrevo con amici e familiari. Non sono riuscito a imparare niente oltre takk (grazie), e quando sono sceso all'aeroporto di Oslo Gardermoen, ho pensato che sarebbe stato un viaggio molto difficile.

* * *

Non ho mai non sa parlare la lingua locale.

Quando mi sono trasferito a Praga per iniziare il mio programma di studio all'estero, ho passato ore, persino intere giornate, cercando di perfezionare il mio ceco.

"Non credo che mi prenderò la briga di imparare il ceco", aveva detto un compagno di studi, quando stavamo per imbarcarci sul nostro volo transatlantico. “Nessuno lo parla al di fuori della Repubblica Ceca. Qual è il punto, davvero? "

La fissai, scioccato, disgustato. Qual e il punto? Il punto è mostrare rispetto per un luogo che non è il tuo. Il punto è dimostrare al mondo che gli americani non danno per scontate le altre culture e che siamo in grado di cercare di essere multilingue, specialmente quando ci sono persone nei paesi in via di sviluppo che non hanno l'acqua corrente, ma potrebbero chiedere per un drink in tre o più modi diversi.

Il punto è che ogni altra persona nel mondo impara almeno alcuni Inglese prima che arrivino negli Stati Uniti. La maggior parte di loro lo parla meglio di me. È giusto che, come madrelingua inglese, dovremmo fare lo stesso.

Conoscere almeno un po 'della lingua ospitante mi ha portato abbastanza lontano in passato. Mi ha aiutato ad acquistare beni a prezzi locali nei mercati di Accra. È utile quando si cerca di farsi prendere da uomini sexy a Buenos Aires. So che se provo almeno a comunicare con le persone in una forma a loro familiare, non mi vedranno come un altro stereotipo americano.

È triste, ma non puoi negare che McDonalds mangia, jeans blu sbiaditi che indossa, "PERCHÉ NON POSSONO PARLARE GERD DANNATO ANGLISH ?!" Il viaggiatore americano è molto vivo e vegeto. Parlando spagnolo in Messico, giapponese in Giappone e uzbeko in Uzbekistan, forse posso mostrare al mondo un lato diverso della mia cultura.

* * *

La prima volta che ho dovuto fare affidamento sul parlare inglese è stato al registratore di cassa duty-free dell'aeroporto di Oslo. Eccoci qui, Ho deglutito. Era ora di sembrare un idiota insensibile che non si è preoccupato di provare a imparare una leccata di norvegese, nemmeno un saluto o due.

"Posso vedere la tua carta d'imbarco?" chiese la cassiera, una volta fissata la sua prima richiesta parlata in norvegese, inespressiva. Abbiamo scambiato parole in inglese per il resto del calvario di acquisto di Aquavit.

Mi sono sentito sporco. Mi sentivo come se i miei anni di formazione in altre lingue e lo sviluppo di un orecchio acuto per individuare dialetti e accenti, fossero stati del tutto inutili. Ho abbassato la testa mentre me ne andavo, chiedendomi come avrei fatto ad arrivare al mio appartamento in affitto se non sapevo come chiedere indicazioni.

Forse si tratta meno di sapere come coniugare i verbi e più di non essere uno stronzo.

Cerco di non dare per scontato che le persone con cui interagisco possano parlare inglese. Penso che sia qualcosa che troppe persone pensano sia un "dato" e le mette nei guai. Non mi importava che i paesi scandinavi guidassero il resto del mondo in inglese come seconda lingua fluente - se i norvegesi erano in grado di imparare l'inglese, io ero in grado di imparare il norvegese.

Ma più non parlavo norvegese, più mi sentivo a mio agio a parlare inglese con tutti gli altri. Non sono stato davvero accolto con animosità per il linguaggio che ho usato. Solo una volta qualcuno ha alzato gli occhi al cielo per la mia incapacità di comprendere ciò che avevano detto, e anche allora non mi sentivo così male, perché è solo una cosa scortese da fare in qualsiasi cultura.

Mi sono reso conto che, sebbene sia fantastico andare a tutto campo e cercare di diventare fluente in dieci lingue, la realtà è che l'inglese è parlato ovunque. Forse non è davvero necessario "ingannare" la gente del posto facendogli credere che sono uno di loro, se è solo per una vacanza di una settimana. Forse le persone possono cavarsela in un altro paese semplicemente essendo educate come a casa.

Forse si tratta meno di sapere come coniugare i verbi e più di non essere uno stronzo.

Le persone dagli Stati Uniti hanno un enorme vantaggio: nella maggior parte dei casi, ovunque scegliamo di viaggiare, qualcuno, da qualche parte, sarà in grado di comunicare con noi. Non tutti possono dire lo stesso.

Lo diamo per scontato? Assolutamente. Ci rende cattivi viaggiatori? Non credo proprio. Penso che ci sia molto di più da viaggiare che cercare di mimetizzarsi. Sarebbe bello essere una Torre di Babele ambulante, ma non penso che dobbiamo picchiarci ogni volta che pensiamo che un episodio di comunicazione errata abbia offuscato parte della nostra esperienza di viaggio .

Forse quella persona che lavora alla Torre Eiffel non è offesa dal fatto che non parli francese; forse odia semplicemente il suo lavoro, ed è per questo che non sembra entusiasta di venderti un biglietto.

Ho concluso il mio viaggio in Norvegia nello stesso modo in cui era iniziato, senza imparare alcun norvegese. Ho dovuto far tradurre i menu per me. Non riuscivo a pronunciare correttamente le fermate del tram. Mi sono affidato molto alle immagini per capire cosa diavolo stavo comprando al supermercato (la Norvegia ha molti tipi diversi di latte), e anche allora non ho sempre avuto successo.

Ma l'ho fatto con un sorriso e con tante scuse. Ho avuto ancora degli scambi culturali molto interessanti e mi sono divertito moltissimo viaggiando in una nuova città. Sarebbe stato meglio se avessi parlato solo norvegese?

Può essere. Avrei potuto origliare meglio.


Guarda il video: Speaking 5+ Languages with my Polyglot Grandma